Finalmente qualcosa di concreto si muove sul fronte degli esodati e delle pensioni dimenticate dalla riforma Fornero, in vigore da due anni e mezzo ormai e con una moltitudine di lavoratori ancora appiedati per il cambio improvviso dei requisiti.

E’ stato lo stesso ministro del Lavoro Giuliano Poletti a confermare l’imminente approdo in aula a Montecitorio dell’emendamento che dovrebbe assicurare il paracadute per nuovi 32mila esodati, dimenticati dalle recenti innovazioni normative alla legge sulla previdenza.

La nuova platea, in realtà, deriva, sì, da alcune posizioni aperte ex novo dal governo Renzi, ma altre, invece, residue dai precedenti decreti varanti dagli esecutivi Letta e Monti. In questo modo, il computo delle salvaguardie attivate dopo l’apertura della falla a fine 2011, ammonta a circa 140 mila unità.

E non è tutto: nel testo dell’emendamento depositato in Commissione Lavoro dal governo, figurerebbe anche un’estensione delle tutele ad altri dodici mesi, secondo i requisiti oggi vigenti. “Così, solo chi maturerà il diritto nell’arco dell’anno prossimo sarà incluso nelle salvaguardie, cosa che finora non era prevista”. Il termine temporale per accedere al regime di salvaguardia, insomma, slitterebbe da gennaio 2015 a gennaio 2016, portando un po’ di ossigeno ai tantissimi esodati ancora estromessi dalle cure del welfare.

Quella in arrivo, nel complesso, è la sesta salvaguardia, dopo i tre decreti del governo Monti e le tre coperture varate dall’esecutivo di Enrico Letta e da quello attuale di Matteo Renzi. Resterà, comunque, vincolante il parere del Parlamento: “Il governo farà la sua proposta – ha aggiunto Poletti – dopodiché toccherà a Commissione e Aula fare le proprie valutazioni”.

L’interrogativo più pesante che grava sul provvedimento, in realtà, è inerente le coperture, al solito piuttosto scarse. Secondo i primi conteggi, condurre in porto la nuova operazione esodati costerà non meno di 120 milioni di euro, anche se i posti vacanti dei decreti precedenti porteranno in dote un “tesoretto” che andrà sfruttato al massimo con i nuovi 32mila salvataggi.

Vai allo speciale pensioni

Vai allo speciale esodati di Leggioggi

Vai allo speciale Quota 96 di Leggioggi


CONDIVIDI
Articolo precedenteIllegittimità della cartella esattoriale: quando la notifica è nulla
Articolo successivoUna mobilità che non risolve nessuno dei problemi della PA

1 COOMENTO

  1. Sono una lavoratrice che ha lasciato il lavoro per esubero del personale, In mobilità. Quindi con la legge 223/ del 1999 dovevo andare in pensione a 57 anni. arrivata a quella età, fu allungata l’età e cioè a 60. l’INPS mi accordò ancora della mobilità in deroga per raggiungere i 60 anni. Ma poi e arrivata la Fornero e Monti (Bella Coppia||) Salva Italia? Per salvare L’Italia sarebbe bastato. Che per un anno non si avrebbero preso il sussidio come ministri. In quando tutti dico tutti Questi, o sono già ricchi o svolgono mansioni D’oro, fregandosi di chi non percepisce i soldi versati (e quindi personali) Per salvare l’Italia con i sacrifici di chi a lavorato tutta una vita|||||||

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here