Mentre continua a impazzare al polemica sui tirocini annunciati dal ministro Franceschini, il Ministero della Cultura ha ufficializzato le modifiche agli orari e ai giorni di apertura dei musei italiani e siti archeologici che avranno effetto dal primo luglio. Stretta alle riduzioni, aperture gratis una volta al mese, sopra i 25 anni pagheranno tutti i visitatori e orari serali il venerdì: queste le principali misure intraprese dal governo sulla rete museale nazionale.

Riportiamo, di seguito, il comunicato ufficiale del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, che annuncia le novità in arrivo per i musei italiani, con le dichiarazioni del ministro Franceschini:

1) GRATUITA’ SOTTO I 18 ANNI E SCONTI FINO A 25
“Dal primo luglio – ha detto il ministro – le gratuità riguarderanno solo i giovani sotto i 18 anni e alcune categorie (es. insegnanti); resteranno le riduzioni fino ai 25 anni; mentre scomparirà la gratuità per gli over 65 che, tuttavia, potranno visitare i musei senza pagare il biglietto ogni prima domenica del mese”.

2) MUSEI GRATIS OGNI PRIMA DOMENICA DEL MESE.
“Viene infatti istituita la ‘Domenica al museo’ nel corso della quale,  ogni prima domenica del mese, tutti i luoghi della cultura statali saranno visitabili gratuitamente. In questo modo si rende più equa la gratuità, non legandola, ad eccezione che per gli under 25, ad anacronistiche fasce d’età che peraltro non corrispondono più alle effettive differenze di reddito. Poi si evita,in questo modo, l’assurdità che anche facoltosi turisti stranieri over 65 non paghino il biglietto,
come avviene oggi.

3) OGNI ANNO 2 NOTTI AL MUSEO AD 1 EURO.
“Così come viene rafforzata l’iniziativa ‘Una notte al museo’ prevedendo, almeno due volte l’anno, l’apertura notturna de musei e
dei siti archeologici al costo di un euro.”

4) TUTTI I VENERDÌ MUSEI APERTI FINO ALLE 22.
“Anche sugli orari ci sono importanti novità: tutti i venerdì, i grandi musei (compresi Colosseo, Pompei ed Uffizi) prolungheranno
l’apertura di due ore e saranno visitabili fino alle 22”.

5) PER IL GOVERNO PRIORITARIO VALORIZZARE LA RETE  MUSEALE.
“Questo intervento sugli orari e sulle tariffe – ha detto Franceschini – si  somma agli altri significativi provvedimenti che il governo sta mettendo in campo per valorizzare il sistema museale italiano: dalla recente norma del decreto ArtBonus, che introduce l’autonomia finanziaria e la figura del manager nei grandi musei; fino alle nuove modalità di trasferimento delle risorse che supera il versamento degli incassi da biglietti in un unico fondo nazionale e attribuisce invece ai singoli musei gli importi in misura corrispondente ai biglietti effettivamente venduti. Un meccanismo che responsabilizza e spinge a comportamenti attivi e virtuosi.


CONDIVIDI
Articolo precedenteTirocini nella cultura, troppo vecchio se sei over 30
Articolo successivoDichiarazione precompilata, rimborsi Iva: in Cdm la legge sul fisco

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here