Un fulmine a ciel sereno. Non può essere definita altrimenti la novità approvata dal governo in Consiglio dei ministri con la riforma della pubblica amministrazione: un articolo alla nuova legge sugli uffici pubblici dispone, a partire dal prossimo primo ottobre, lo scioglimento delle sezioni Tar distaccate.

In sostanza, tra poco più di tre mesi, saranno ben otto i Tribunali amministrativi regionali a chiudere i battenti se la riforma della pubblica amministrazione non dovesse venire modificata nei passaggi parlamentari.

Secondo quanto espresso nel decreto approvato in Consiglio dei ministri, dovrebbero essere le seguenti otto sezioni distaccate dei Tar a venire soppresse dalla legge Renzi-Madia, che ha ricevuto l’ok del governo lo scorso venerdì 13 giugno:

Brescia

Parma

Pescara

Latina

Salerno

Lecce

Reggio Calabria

Catania

Come si evince, l’unica sede che al momento non rischierebbe la chiusura, è proprio quella di Bolzano, dunque la sola appartenente a una città diversa dal capoluogo regionale destinata a rimanere in funzione.

Entro il prossimo 15 settembre andrà adottato un apposito Dpcm che dovrà fissare modalità e scadenze per il trasferimento degli atti dalle sezioni Tar distaccate a quelle centrali nelle regioni di riferimento, dunque Lombardia, Emilia-Romagna, Abruzzo, Lazio, Puglia, Campania, Calabria, Sicilia.-

A partire dal primo ottobre, nelle otto regioni interessate tutte le vertenze ancora in attesa di giudizio dovranno, dunque, essere trasferite al Tribunale amministrativo del capoluogo, che dunque si troverà a dover gestire un carico di molto superiore a quanto affrontato, con fatica, fino a oggi.

 

DL Pubblica Amministrazione

Titolo I – Misure urgenti per l’efficientamento della PA e per il sostegno dell’occupazione (…)

Capo II – Misure in materia di organizzazione della PA (…)

art. 18
(Soppressione di enti e uffici)

(…)

2. A decorrere dal 1° ottobre 2014 sono soppresse le sezioni staccate di tribunale amministrativo regionale. Resta ferma la sezione autonoma per la Provincia di Bolzano. Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da adottare entro il 15 settembre 2014, sono stabilite le modalità per il trasferimento del contenzioso pendente presso le sezione soppresse, nonchè delle risorse umane e finanziarie, al tribunale amministrativo della relativa regione. Dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, i ricorsi sono presentati presso la sede centrale del tribunale amministrativo regionale.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma delle Province: un’occasione per funzioni e dipendenti
Articolo successivoAbolizione TAR distaccati: insorgono giudici ed avvocati

2 COMMENTI

  1. Ogni sforzo nella direzione dello snellimento risulterà inutile, fino a quando le attività della P.A resteranno nelle mani di una classe burocratica incapace e impreparata. Se la macchina amministrativa funzionerà bene e velocemente, allora non ci saranno più contenziosi o si ridurranno. Di fatto tutti ci troveremo di fronte alla necessità di dovere riordinare anche i Tribunali amministrativi. Il contenzioso esiste perché qualcuno ha sbagliato procedimento o ha applicato la legge in modo errato. E’ qui che bisogna intervenire, con meccanismi di funzionamento e di controllo di assoluta garanzia, togliendo dalla guida della macchina il guidatore incapace.

  2. LOTTA AI TAR…LI ED ALLE ZANZARE
    LE STRADE SONO DUE: O I TRIBUNALI AMMINISTRATIVI SI FANNO FUNZIONARE BENE, CON PROCEDURE RAPIDE, SNELLE, MENO COSTOSE E MENO COMPLICATE OPPURE MEGLIO CHIUDERLI TUTTI COMPRESO IL CONSIGLIO DI STATO. RESTA IL FATTO CHE QUESTI NUOVI GOVERNANTI SONO ANCHE PEGGIO DEI PRECEDENTI. deughis
    P.S. Ma si dice “efficientamento” ? E l’occupazione si sostiene chiudendo gli uffici ?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here