Riforma PA, siamo in dirittura d’arrivo, ma c’è l’altolà della Ragioneria. Manca all’incirca una settimana e poi verrà reso noto il testo della nuova legge che andrà a modificare l’assetto degli enti pubblici in Italia, come annunciato dal tandem Renzi-Madia.

Con la presentazione annunciata per il Consiglio dei Ministri della prossima settimana, iniziano però a delinearsi alcuni aspetti centrali della normativa che andrà a rinnovare  – almeno questo è l’auspicio della maggioranza – gli uffici della pubblica amministrazione.

Ora, dopo gli esuberi, si affaccia sull’orizzonte della prossima riforma rivolta alla PA, il plotone degli “esonerati”. In comune con gli esodati non c’è solo l’assonanza, dal momento che si tratta di dipendenti vicini a lasciare il posto da dipendente pubblico, ma ancora impossibilitati ad andare in pensione. Esiste già una possibile soglia: a essere coinvolti in questo percorso, potrebbero essere quei dipendenti al di sotto dei cinque anni residui di lavoro.

Così, le intenzioni del ministro della Funzione Pubblica Marianna Madia, sarebbero quelle di varare una forma di esonero dal servizio adattabile a seconda dei singoli casi, che consenta, comunque, ai diretti interessati di incassare il 65 percento degli stipendi, e, insieme, gli permetta di versare la quota rimanente di contributi per ottenere finalmente l’assegno previdenziale.

Ovviamente, si tratterà di una misura strettamente correlata alla mobilità, già avviata nelle scorse settimane in tema di eccedenze e, appunto, esuberi di personale, previe le necessarie verifiche dell’effettivo sovrannumero delle mansioni svolte nei singoli enti. QUI LE ISTRUZIONI PER ANDARE IN PENSIONE CON I VECCHI REQUISITI

Secondo la traccia del ministero, allora, gli esonerati dovranno essere individuati principalmente negli enti di pubblica amministrazione di dimensioni superiori, e, tra questi, una categoria specifica verrà individuata in quei lavoratori che svolgono lunghi tratti di strada per raggiungere l’ufficio: l’ipotesi, per questi, sarebbe quella di una ricollocazione in enti prossimi alla residenza del lavoratore stesso.

Nel frattempo, il capo dell’Ispettorato generale per la spesa sociale della Ragioneria Generale dello Stato, Francesco Massicci ha dichiarato che la riforma Madia, così come è impostata non potrà essere a costo zero“Se pensioniamo gli insegnanti di lettere, ma resta la cattedra e devo rimpiazzarli, abbiamo da pagare la pensione, lo stipendio e la buonuscita”. Insomma, non manca lo scetticismo sulla realizzabilità della riforma: ciò nonostante, il governo ha intenzione di tirare dritto.

 

Il Predissesto nei comuni

Il Predissesto nei comuni

Enrico Caterini , Ettore Jorio, 2013, Maggioli Editore

Il libro, curato da Enrico Caterini ed Ettore Jorio, rappresenta una guida ragionata al cosiddetto predissesto. Dal percorso individuato dagli autorisi evince tutto ciò che ha determinato, nel tempo, lo stato di precarietà dei conti degli enti locali, con particolare riguardo ai Comuni. Gli...




CONDIVIDI
Articolo precedenteZone Franche Urbane: pubblicato l’elenco delle imprese ammesse all’agevolazione
Articolo successivoPapa Francesco, testo completo dell’udienza del 4 giugno 2014

2 COMMENTI

  1. Dire a Padoan che vada a lavorare in fabbrica o in ospedale o comunque sotto padrone è dire una bestialità? Credo di no e lo si vede da quanta gente vecchia c’è in politica e non molla il posto perché sta troppo bene. Loro si che si possono permettersi di lavorare fino a 100 anni, tanto chi ci perde è il cittadino che subisce le loro mentalità antiquate ed egoiste.
    Grazie politici italiani di averci rovinati

  2. Regole certe ed uguali per tutti in condizioni a tutti eguali, basta parrocchie e parrocchiette dove vanno a gruppi ora piccoli ora grandi, persone che ricevono benefici rispetto ad altri che ne vengono discriminati.
    Flessibilità di uscita per chi con un minimo di anzianità contributiva (35 anni ? ) con difficoltà familiari (genitori malati ) o handicap personali faccia richiesta motivata.
    Benefici: meno badanti ( che non spendono un euro di ciò che guadagnano portando tutto il loro stipendio all’estero contribuendo alla contrazione dei consumi interni)
    rotazione generazionale al lavoro e valorizzazione della componente umana di una società civile.
    Tutto il resto è vecchia politica basata sui numeri e non sui valori

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here