Qual è il programma del Partito democratico per le elezioni europee 2014? Quali riforme ha intenzione di portare avanti in sede comunitaria Matteo Renzi, in vista anche del semestre di presidenza europea che attende l’Italia?

In questa campagna elettorale per le europee, i temi dell’agenda Ue sono rimasti, come d’abitudine, ai margini nel dibattito italiano. A farla da padrone, come al solito, è lo scontro tra i personaggi politici più in vista, in primis lo stesso presidente del consiglio e il leader del MoVimento 5 Stelle Beppe Grillo, con, subito dietro, il mai domo Silvio Berlusconi, al vertice della “sua” Forza Italia.

Ma, come si diceva, domenica 25 maggio si vota per il rinnovo del Parlamento europeo. Una chiamata, quella di domenica prossima, che assume ancora maggiore significato dal momento che per l aprima volta gli eletti a Strasburgo eleggeranno direttamente il presidente della Commissione europea.

Il Partito democratico, come noto, appoggia il politico tedesco Martin Schulz per occupare lo scranno che fino al 2004 fu di Romano Prodi e poi di Manuel Barroso.

Ma vediamo, in sequenza, i  punti principali del programma del Pd per le europee 2014:

LAVORO

La Garanzia Giovani va estesa ai disoccupati sotto i 30 anni

piano di investimento di 582 milioni di euro in trasporti rispettosi dell’ambiente

aumentare il peso dell’industria nell’economia europea dal 15% al 20%

aumentare il peso dell’industria nell’economia europea dal 15% al 20%

dedicare il 2% del PIL all’insegnamento superiore e il 3% alla ricerca e innovazione

eliminare i contratti a zero ore e gli stage non remunerati

entro il 2025 un salario minimo garantito nazionale

ECONOMIA

riforma della Banca centrale europea

creare una riserva finanziaria di circa l’1% del Pil europeo

‘Patto del progresso sociale’ (Social Compact) che integri il ‘Patto di Stabilità e crescita’ (Fiscal Compact)

creazione di un Fondo europeo per gli investimenti

SOCIETA’

spendere meglio i fondi che l’Europa mette a disposizione

benefit per i disoccupati a breve termine

garanzia dell’accesso universale alle cure mediche

ridurre il gender pay gap del 2% l’anno

IMMIGRAZIONE

trasformazione di Frontex in un vero corpo europeo di guardie di frontiera

ius soli europeo

AGENDA DIGITALE

Revisione del copyright in Europa

neutralità della rete

sostegno alle start-up

Vai al testo completo in pdf


CONDIVIDI
Articolo precedenteProroga Tasi 2014, data attuale al 16 giugno. I Comuni pensano al voto
Articolo successivoDiritto al nome nel web: responsabilità dell’Internet Service Provider

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here