Colpo di scena sul bonus da 80 euro promesso dal governo Renzi: una circolare dell’Agenzia delle Entrate allarga, a sorpresa, la platea anche a disoccupati, cassintegrati e lavoratori in mobilità.

Insomma, anche agli attuali percettori di Aspi – la nuova indennità di disoccupazione destinata a chi si sia trovato senza lavoro dopo la riforma Fornero – sarà destinato lo sgravio fiscale come annunciato dal premier.

Un colpo elettorale davvero grosso a soli dieci giorni dal voto, dunque, che va ad allargare la già folta platea di coloro che percepiranno gli 80 euro al mese garantiti dal governo, nonostante le perplessità espresse dall’elaborazione dei ragionieri del Senato. Anzi, a dare manforte all’iniziativa del governo, è arrivata la circolare delle Entrate, che ha ampliato inaspettatamente i destinatari dell’acconto in busta paga.

Come noto, a partire dal 27 maggio – dunque, 48 ore dopo le elezioni europee – sarà erogato l’aumento in busta paga, fino a ieri destinato unicamente a lavoratori dipendenti al di sotto dei 24mila euro – con riduzione entro i 26mila – ma, da oggi, a questi si aggiungono anche i soggetti percettori di Aspi o in cassa integrazione.

Rimangono esclusi, invece, gli incapienti, ossia coloro che, avendo maturato un reddito al di sotto degli 8mila euro annui, non sono soggetti all’imposizione dell’Irpef.

Altre novità contenute nella circolare delle Entrate, riguardano il salario di produttività, che rimane ufficialmente fuori dai dati che concorrono alla creazione del reddito calcolato per la percezione del bonus. In aggiunta, andrà invece inserito nel computo del reddito personale inerente la detrazione Irpef, l’eventuale affitto da cedolare secca a canone concordato che il contribuente potrebbe percepire.

Nei giorni scorsi, le polemiche sul benefit in arrivo dal governo avevano riguardano la pubblicazione di un cedolino della Pubblica amministrazione, con l’incremento annunciato. Secondo qualcuno, gli 80 euro sarebbero lordi. QUI TUTTO SUL CEDOLINO

Oggi si è concluso, intanto, il termine per la presentazione degli emendamenti al Senato e sono quasi 800 le proposte di modifiche al decreto Irpef, che contiene le disciplina dei famosi 80 euro. A due settimane dalla concessione del bonus, dunque, da una parte governo e fisco cercano di fare chiarezza, ma dall’altra il testo di legge è ancora in altissimo mare.

 

Vai al testo della circolare

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteSi potrebbe abolire il segretario comunale
Articolo successivoPapa Francesco, udienza generale del 14 maggio 2014: testo e video

12 COMMENTI

  1. Dicono che addirittura si dovrebberò percepire anche a posteriori gli 80 euro mancati in busta paga a partire dal mese di gennaio. io sono entrata da marzo in disoccupazione e non ho ricevuto niente. All’inps mi hanno detto che per i mesi in cui ero ancora sotto contratto, al lavoro dovrò farne richiesta nella dichiarazione dei redditi l’anno prossimo..Ma con i miei attuali 700 euro al mese ancora per qualche mese che dichiarazione devo fare?? Posso dichiarare i debiti?

  2. essendo in mobilita’ ho scritto all’inps facendo presente che mancano gli 80 euri, mi hanno risposto cosi’:Le 80 euro riguardano solamente i possessori di busta paga attualmente in attività di servizio, non altri trattamenti!!!! ma sono impazziti?

  3. salve, penso di non aver ricevuto gli 80 e sono in mobilità.
    come bisogna procedere per verifica e richiesta ?
    grazie in anticipo

  4. Sono attualmente disoccupato con Aspi, nessuna traccia degli 80 € promessi dalla faccia da ebete, interpellata l’INPS
    risposta:

    “Buongiorno, in merito alla sua richiesta attendiamo disposizioni dalla Direzione Centrale.
    Cordiali saluti”

    signori, benvenuti in italia.

  5. Danno questi 80€ pure a noi lavoratori in mobilità,grazie ma vogliamo lavorare,gli ammortizzatori sociali finiscono e andiamo in mezzo a una strada.Non ci resta che piangere.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here