Importanti sono le novità fiscali previsti quest’anno a favore delle famiglie e delle giovani coppie da tenere in considerazione in tempi di crisi.
Tra le novità sono certamente da ricordare le agevolazioni sulle detrazioni IRPEF introdotte dall’ dall’articolo 1, comma 6 della legge 296 del 2006, quali somme di denaro che è possibile sottrarre dalle imposte da pagare, in funzione di particolari situazioni personali o familiari.
Le detrazioni d’ imposta distinte per tipologie sono le seguenti:
– Per i familiari a carico da 900 a 1200 per ciascun figlio con età inferiore a tre anni, da 800 a 950 per i figli a carico con età superiore a tre, per i figli con disabilità da 220 a 400 Euro.
– Per ristrutturazioni edilizie la detrazione prevista è del 50% per una spesa massima ammissibile di 96.000 euro.
– Per il Bonus Mobili, la detrazione è del 50% delle spese sostenute dal 6 giugno 2013, per l’acquisto di arredi e grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto della ristrutturazione su un ammontare massimo di 10.000 € ripartita in 10 rate annuali di pari importo.
– Per le spese relative agli interventi finalizzati al risparmio energetico cosi come indicato nel D.L. n. 63/2013 le detrazioni previste per l’anno 2013, sono del 55% per le spese sostenute dal 01.01.2013 al 05.06.2013; 65% per le spese sostenute dallo 06.06.2013 al 31.12.2013.
– Sui contratti a canone concordato la cedolare secca passa dal 19% al 15%
– per i fabbricati concessi in locazione la deduzione forfettaria è stata ridotta dal 15% al 5%.
– per i premi di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni è stato ritoccato in difetto l’importo complessivo massimo sul quale calcolare la detrazione del 19% . Da un limite massimo di 1291€ si passa a 630 €.
Un intervento dello Stato che seppur limitato contribuisce a sanare le numerose emergenze sociali che al momento stanno attraversando il nostro paese.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma Province: il testo finale del maxiemendamento al ddl Delrio
Articolo successivoApprovato il ddl Delrio: come cambiano Province, Comuni, Città

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here