Finalmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto lavoro del Jobs Act, con tutte le nuove specifiche sui contratti, in vigore già da oggi, 21 marzo 2014. Comincia, così, ufficialmente, il cammino dei testi presentati dal presidente del Consiglio Matteo Renzi nel corso della conferenza della passata settimana, dove ha confermato l’arrivo di 80 euro in più in busta paga per i lavoratori dipendenti e, insieme, ha introdotto i primi, concreti correttivi alla riforma Fornero.

In particolare, con il decreto del Jobs Act, però, cambiano le regole su apprendistato e necessità di causale inerente la formulazione del contratto di lavoro, che non è più richiesta in maniera obbligatoria.

In dettaglio, la causale che fino a ieri era richiesta per ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, da oggi non sarà più necessaria per stipulare un nuovo rapporto di lavoro a termine, anche se questi ultimi, d’ora in avanti, non potranno superare il limite del 20% dei contratti realizzati in azienda.

Le nuove indicazioni del Jobs Act, poi, specificano che è possibile prorogare fino a otto volte, pur rimanendo entro il limite massimo dei tre anni, quella stessa attività alla base della formulazione contrattuale, mentre fino a ieri era in vigore la possibilità di una sola proroga, sempre entro i tre anni, dopodiché il datore di lavoro era obbligato a scegliere se assumere il lavoratore o interrompere il rapporto.

Insomma, viene ribaltata la concezione della riforma Fornero, secondo cui il limite alle proroghe dei contratti a tempo determinato era circoscritto a un solo rinvio della decisione di assunzione o meno, e per rapporti a termine. Oggi, invece, la facoltà diventa previsione universale, reintroducendo la modalità di assunzione a tempo determinato senza obbligo di causale.

Passando all’apprendistato, poi, il Jobs Act introduce alcune importanti novità sull’ottica della formazione obbligatoria di quella che era la modalità contrattuale preferita dalla legge Fornero: ora, la formazione diventa facoltativa, con retribuzione pari al 35%. Inoltre, decade il limite minimo per le aziende di contratti di apprendistato da convertire in assunzioni entro il limite dei te anni, per poter usufruire nuovamente della tipologia contrattuale.

 

Vai al testo del Jobs Act


CONDIVIDI
Articolo precedenteElezioni ANMA programmi a confronto
Articolo successivo“Nuoce gravemente alla salute”: ricorso per scriverlo sui telefonini

2 COMMENTI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here