Pensioni, il prelievo ci sarà oppure no? Mentre il premier, nei giorni scorsi, il premier Renzi ha cercato di rassicurare tutti gli iscritti alla gestione previdenziale, che si erano visti al centro dei possibili canali di finanziamento delle riforme, prende strada l’ipotesi di un nuovo salasso su un milione di pensionati.

Cosa corre, allora, tra la sicurezza del premier e le esigenze di bilancio? Sostanzialmente, il destino della manovra è nella soglia in cui verrà richiesto questo contributo extra, imposto a chi percepisce una pensione.

In principio, infatti, era ventilata l’ipotesi che gli assegni sottoposti a una decurtazione straordinaria subito dopo il Jobs Act sarebbero stati quelli al di sotto dei 2mila euro lordi, dunque una frazione amplissima della popolazione dei ritirati dal lavoro in Italia, vicina al 50%.

Quindi, per evitare il divampare di ulteriori polemiche, era intervenuto direttamente il presidente del Consiglio a confermare come, al di sotto dei 3mila euro lordi, non ci sarebbe stato alcun rischio di riduzione dell’assegno mensile. Una posizione, poi, ribadita dal sottosegretario all’economia Pier Paolo Baretta e che, se confermata, andrebbe a intaccare circa mezzo milione di pensioni.

Una posizione, però, parzialmente smentita dal commissario alla spending review Carlo Cottarelli, il quale, in sede di enunciazione delle possibili coperture per il Jobs Act, ha accennato alla possibilità di intervenire sulle pensioni a partire dalla quota dei 2mila e 800 euro al mese, forse addirittura ai 2mila e 500 euro.

In quest’ultimo caso, la platea interessata sarebbe ben superiore al milione di pensionati, che vedrebbero il proprio assegno ulteriormente ridotto. Con i più ricchi, cioè coloro che percepiscono 6mila e 900 euro in su, che sarebbero chiamati a un nuovo contributo dopo l’aliquota al 6% decisa in legge di stabilità.

Insomma, la partita è tutta qui: se toccare esclusivamente le pensioni d’oro, oppure coinvolgere anche quelle “d’argento” e “di bronzo”. A seconda della soglia che verrà definita per pompare risorse fresche nelle casse pubbliche rivolte alle misure del Jobs Act, il numero dei potenziali coinvolti crescerà o diminuirà sensibilmente.

Vai allo speciale pensioni

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma pensioni 2014, le novità su esodati, legge 104, uscita flessibile, Quota 96
Articolo successivoPapa Francesco, testo e video dell’omelia del 16 marzo 2014

2 COMMENTI

  1. Dopo una vita di lavoro e una pensione calcolata sui contributi versati e gia ampiamente decurtata in più occasioni, non sanno trovare di meglio che tartassare i soliti noti, perchè non cominciano a tagliare a livello di stipendi d’ oro non solo di dirigenti, ma anche di commessi delle camere e organi vari.
    Dobbiamo sempre essere i soliti a dare e non ricevere tanto siamo una popolo silenzioso, ma forse è arrivato il momento di PARLARE, anzi di URLARE e se non basta pensare anche ad altro !

  2. L’operazione si può fare, basta che il governo deduca i mutui che gravano sui pensionati. In tal modo pagano anche le banche e il sacrificio si distribuisce sulle finanze. Se la pensione è gravata di in un mutuo fino al trenta per cento, come farà il pensionato a vivere ? Si troverà in una condizione peggiore di quelli che vivono al minimo.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here