La Camera dei deputati ha approvato la legge elettorale che prenderà il posto del Porcellum, l’Italicum. Al termine di due giornate serratissime di confronto in aula su ogni singolo emendamento, Montecitorio ha licenziato il testo – parziale – della riforma, che ora dovrà ricevere il bollino, nient’affatto scontato, da parte di palazzo Madama. Questo l’esito del voto finale: approvato con 365 sì, 156 no, 40 astenuti.

Polemiche a non finire per la bocciatura di tutte le proposte concrete di modifica: alla fine, a risultare vincitore, seppur tra mille affanni, è il patto siglato tra il premier Matteo Renzi e il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, nel famoso incontro dello scorso 18 gennaio.

In serie, infatti, tra ieri e oggi, sono stati cassati: emendamento per la parità di genere nelle liste a 50%-50%, relativa riduzione a 60%-40%, introduzione delle preferenze, sia in senso assoluto che di genere, fino alle primarie obbligatorie che, si diceva qualche settimana fa, avrebbero dovuto costituire l’anticamera ideale del nuovo sistema di rappresentanza.


Insomma, pur se in ordine sparso, con decine di franchi tiratori per via delle votazioni a scrutinio segreto, l’intesa Renzi-Berlusconi ha superato il primo ostacolo della Camera, il ramo del Parlamento per cui l’Italicum dovrebbe essere approvato. Proprio il Senato, insomma, dovrebbe licenziare, a questo punto, una legge che non lo riguarda, firmando, in sostanza, la propria condanna a morte.

In particolare, fibrillazioni intense si sono registrate nei ranghi del Partito democratico, con le deputate in prima linea per la battaglia di genere – poi fallita – e una quota fissa di possibili franchi tiratori a rendere ogni volto una roulette russa. Il no alla reintroduzione delle preferenze, punto chiave su cui il presidente del Consiglio non ha mai mostrato disponibilità al dialogo, ha rischiato di venire meno per 35 voti: un margine strettissimo per la maggioranza, visti i numeri a Montecitorio, su una modifica al testo che avrebbe potuto vanificare l’accordo tra i due leader e, dunque, le basi per la nuova legge.

Poi, un filo ancora più sottile, ieri in serata, ha permesso all’esecutivo di sventare altre modifiche, come la doppia preferenza di genere: anch’essa presentata sotto forma di emendamento, è stata bocciata per appena venti voti di scarto. A vedere le presenze in aula, con 23 tra ministri e sottosegretari nella mischia di Montecitorio a votare su indicazione del premier, si può sostenere che il governo abbia di fatto salvato l’Italicum e, forse, anche se stesso.

Un atteggiamento opposto a quello tenuto stamane, quando i rappresentanti delle varie forze si sono espressi nella dichiarazioni di voto e non uno dei membri del governo era in aula ad ascoltare le molte voci di dissenso, specialmente tra i partiti che raccolgono percentuali a una cifra.

Per quanto ancora non è dato sapere cosa accadrà a palazzo Madama, possiamo comunque enucleare alcuni punti chiave della riforma elettorale uscita dal primo passaggio alle Camere.

Soglia del 37% per il premio di maggioranza

Doppio turno con ballottaggio di coalizione per i due schieramenti più votati, se nessuno ha raggiunto il 37%

Soglia del 12% per le coalizioni

Liste bloccate

Possibilità di più candidature da parte dei capilista

Minimo dell’8% per le forze non coalizzate

Sbarramento del 4,5% per i partiti coalizzati

Delega sui collegi plurinominali assegnata al governo

Vai allo speciale Italicum

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteRedditometro 2014, ora è tutto pronto: via ai controlli. Ecco chi rischia
Articolo successivoProvince: in Sicilia non esistono più. Ma non si sa cosa verrà dopo

2 COMMENTI

  1. L’ ” Italicum ” è una TRUFFA e una RAPINA elettorale di Seggi di rappresentanza, ovvero, di DEMOCRAZIA . In quanto mantiene il MECCANISMO MATEMATICO ERRATO alla base del ” Porcellum “, meccanismo che io ho scoperto e denunciato sin dal 1998, ben sette anni prima che lo facessero, dato che c’ era già, loro i nostri Sgovernanti NON l’ hanno inventato, l’ hanno solo copiato!. NON è proporzionale anche lui, e anzi peggiora le parti conosciute delle ” soglie di sbarramento ” che con il ” premio di maggioranza ” non sono altro che forme di “maggioritario” travestito e surrettizio. Guardate e DIVULGATE le mie scoperte che spiego negli scritti e video pubblicati anche sul sito web, basta scrivere su Google: Perindani . Gardate e FIRMATE in merito le mie petizioni e anche quella su Avaaz per : UNA legge elettorale giusta: Il metodo Perindani del calcolo proporzionale ( Essendo uno dei quattro metodi proporzionali UNICI, VERI e GIUSTI al mondo e che tutti gli altri metodi elettorali, creduti falsamente validi, sono invece matematicamente sbagliati ). ….. Ciao da Edgardo v

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here