E’ partito ufficialmente oggi il Sistri 2014, nella versione messa a punto dai precedenti governi, per favorire il passaggio del tracciamento dei rifiuti tradizionale a quello digitale.

Come ormai noto, il decreto Milleproroghe ha prorogato la moratoria sulle sanzioni fino a fine anno, rendendo, insomma, un po’ meno traumatico il passaggio da un regime di archiviazione all’altro.

Quella in partenza oggi, in realtà, non è altro che la seconda fase del progressivo passaggio al database telematico dei rifiuti: dopo il via al tracciamento elettronico da parte dei gestori, avvenuto lo scorso primo ottobre, da oggi anche imprese e privati dovranno fare conoscenza col nuovo meccanismo.


 

Chi deve ricorrere al Sistri

enti o imprese produttori iniziali di rifiuti pericolosi

Comuni e imprese di trasporto rifiuti urbani nella regione Campania

Operatori intermediali

Enti o imprese di raccolta/trasporto rifiuti pericolosi a titolo professionale

Enti o imprese per il recupero, il trattamento, lo smaltimento, il commercio, l’intermediazione, i rifiuti pericolosi

Nuovi produttori di rifiuti pericolosi (dallo scorso 1° ottobre)

 

Come iscriversi e utilizzare il Sistri

Entro il 30 aprile 2014, andrà pagato il contributo relativo

Produttori rifiuti speciali pericolosi: oltre alle versioni classiche, si dovrà ricorrere alla modalità elettronica di registro carico/scarico e trasporto, cioé le schede “registro coronologico” “movimentazione”.

Per il produttore: produzione rifiuti-dati qualitativi e quantitativi nella scheda cronologica – compilare la movimentazione – trasporto

Per il trasportatore: compila il modulo cronologico-stampa la scheda della movimentazione-trasporta i rifiuti

Per chi riceve i rifiuti: compilazione del modulo cronologico e della scheda movimentazione – firma della copia cartacea di accompagnamento da lasciare al trasportatore

 

Altri adempimenti

Tracciamento rifiuti per via cartacea: scade il 31 dicembre 2014

Invio della dichiarazione ambientale Mud entro la fine del prossimo aprile

 

Le sanzioni

Sanzioni sospese sul Sistri fino a fine anno

Sanzioni in vigore per il procedimento tradizionale

Il tracciamento dei rifiuti andrà svolto tramite comunicazione all’apposito server Sistri della quantità e qualità dei rifiuti prodotti o trasportati

Vai al testo del decreto Sistri


CONDIVIDI
Articolo precedenteScuola, Consiglio di Stato: gli insegnanti diplomati sono abilitati
Articolo successivoUcraina, la crisi continua. Occupata la Crimea: ora cosa farà Putin?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here