Rottamazione delle cartelle, dietrofront improvviso sulla proroga. Proprio quando sembrava ormai scontata la concessione di ulteriori trenta giorni per la sanatoria di Equitalia, il ritiro del decreto salva Roma riporta bruscamente la scadenza a domani, venerdì 28 febbraio.

L’emendamento, infatti, era stato introdotto nel decreto enti locali, in scadenza proprio domani. Per velocizzare l’approvazione, la maggioranza aveva una sola strada: il via libera da parte delle Commissioni Bilancio in sede deliberante, sia di palazzo Madama che di Montecitorio.

Una tabella di marcia serrata, che, appena ieri mattina, sembrava però alla portata, con due giorni davanti per arrivare al l’ok definitivo. Poi, ieri pomeriggio, la decisione dei partiti che sostengono l’esecutivo di Matteo Renzi: il provvedimento non verrà convertito e, per la seconda volta nell’arco di due mesi, sarà fatto decadere. Decisiva, secondo le ricostruzioni, la linea dura adottata dalle opposizioni di Lega Nord e MoVimento 5 Stelle, che hanno, di fatto, bloccato il decreto.


I termini per accedere alla sanatoria, rimangono, pertanto, gli stessi enunciati nella legge di stabilità 2014: il versamento, in un’unica quota, delle cartelle esattoriali emesse con forza di titolo esecutivo entro lo scorso 31 ottobre.

Secondo le specifiche del fisco, sono contenute nella finestra che si chiude domani anche le multe per infrazione al Codice della strada non pagate, o, ancora, il bollo auto non versato entro i limiti di tempo.

Escluse, invece, per una mancata indicazione nella legge di bilancio, le ingiunzioni fiscali emesse da enti di riscossione locale, un punto su cui l’emendamento relativo alla proroga sarebbe intervenuto in correzione e che invece rimane inalterato.

La sanatoria riguarda il pagamento entro domani, come si diceva, in un’unica soluzione, che consentirà l’applicazione del taglio su imposte, aggio della riscossione e sanzioni. In particolare, la sanatoria di Equitalia prevede che vengano eliminati dal calcolo dell’importo gli interessi da ritardata iscrizione al ruolo, cioè quel 4% annuo divenuto, dal primo ottobre 2009, 5,2%.

Qui tutte le istruzioni per la rottamazione delle cartelle

 

Come difendersi dalle cartelle di pagamento

Come difendersi dalle cartelle di pagamento

Francesca Tambasco, 2014, Maggioli Editore

Negli ultimi anni la pressione fiscale si è gravemente accresciuta, creando non poche difficoltà alla generalità dei contribuenti sia persone fisiche che persone giuridiche. Uno degli strumenti di maggiore efficacia utilizzati per la riscossione dei debiti erariali...




CONDIVIDI
Articolo precedenteSistri, è legge la proroga a inizio 2015. Le altre novità nel decreto
Articolo successivoCon l’espulsione dei quattro senatori M5S, Renzi trova la ruota di scorta

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here