Ancora pochi giorni per pagare il canone Rai per la televisione. Come ogni anno, infatti, è arrivato puntuale l’appuntamento con la tassa sul sistema radiotv, richiesta a milioni di famiglie. Ma non tutti sono obbligati a versare la quota richiesta dal servizio pubblico.

Abbiamo già mostrato nelle scorse settimane come, in realtà, la presunta sentenza della Corte europea sull’illegittimità del canone Rai non fosse altro che una bufala che, tra fine 2013 e inizio 2014, ha iniziato a circolare all’impazzata sui social network.

Era stato il presidente della Commissione di Vigilanza Rai Fico, in quota MoVimento 5 Stelle, a confermare come la notizia circolata fosse in realtà una falsa speranza, alimentata da qualche buontempone del web e poi rivelatasi totalmente infondata.


Esiste, però, qualche scappatoia legale per non pagare la tassa sull’apparecchio televisivo. Cominciamo col ricordare che, per il 2014, il totale del canone Rai è di 113,50 euro, che andranno pagati entro il 31 gennaio, cioè questo venerdì.

Quindi, tra le fasce esenti dal pagamento, rientrano gli anziani over 75, con reddito al di sotto dei 517 euro al mese. Per chiedere di essere inclusi tra i soggetti non obbligati al pagamento, in questo caso, sarà sufficiente entrare nel sito dell’Agenzia delle Entrate, scaricare l’apposito modulo e spedirlo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo:

Agenzia delle Entrate,
Ufficio Torino 1 – SAT Sportello Abbonamenti Tv
Casella Postale 22
10121 Torino

C’è, poi, un’altra modalità per non pagare il canone: non avere in casa un televisore. Ricordiamo, a questo proposito il comunicato Rai del febbraio 2012, che specificava come il possesso di un personal computer o di uno smartphone non renda, di per sé, necessario il versamento del canone, se non si possiede un televisore.

Per chi, invece, ha ancora un apparecchio in salotto ma non intende pagare il canone, l’unica via è quella di spedire un vaglia di 5,16 euro, inviando una lettera con cui si richiede di bloccare la propria tv. Allo stesso modo, è possibile mandare una disdetta in caso di furto, di vendita o di regalo della televisione. Peccato, però, che in questo caso il limite per il canone 2014 scadesse lo scorso 31 dicembre. Si potrà, comunque, chiedere l’esenzione per il 2015.


CONDIVIDI
Articolo precedenteTutela dei consumatori In vigore la direttiva 2011/83/ue
Articolo successivoLe modifiche in materia di imposta di bollo introdotte dalla legge di stabilità per l’anno 2014

7 COMMENTI

  1. se ho un televisore da soli 2 Anni e computer da 3 anni cosa devo pagare? mia intenzione farlo da luglio su bolletta,ma xchè devo pagare arretrati x 10 anni se prima non l’avevo? come si può pagare una tassa solo sulla presunzione di possesso? è anticostituzionale,illeggittimo…la presunzione non può essere pagata automaticamente altrimenti equitalia arriva…e sono cz

  2. Non è un canone, è una tassa di possesso, una delle tante ignobili tasse che stanno spingedo tanti cittadini a fuggire all’estero. La RAI come ormai tutti i mezzi di informazione di regime e come l’amministrazione giudiziaria non è altro che uno strumento di politica nelle mani della sinistra.
    Dobbiamo rassegnarci, siamo un Paese occupato.
    Addio al Corriere della Sera, glorioso quotidiano fondato nel 1725.
    La Repubblica di Scalfari organo della sinistra, gongola.

  3. Buon giorno ho ricevuto l’ avviso di pagamento CANONE SPECIALE PER L’ANNO 2014
    NR.908883
    SULLA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO SCRIVONO: PER RATEIZZARE IL PAGAMENTO IN FORMS TRIMESTRALE O SEMESTRALE PUO’ CONTATTARE LA SEDE REGIONALE INDICATA IN INDIRIZZO CHE PROVVEDER’ AD INVIARLE I RELATIVI BOLLETTINI.
    BENE, PREMESSO CHE LE TELEFONATE SONO A PAGAMENTO E ANCHE SU QUESTO POSSIAMO OBIETTARE, QUELLO CHE E’ PIU’ GRAVE E’ CHE DOPO 10 CHIAMATE MI HANNO SEMPRE RISPOSTO: L’ OPERATORE E’ IMPEGNATO, RIPROVI PIU’ TARDI. DICONO DI CHIAMARE E POI NON SI FANNO TROVARE, E’ COME LA PUBBLICITA’ DI QUESTI GIORNI CHE LA TV. TI MOSTRA 14 CANALI, IN REALT’ SE RIUSCIAMO A VEDERNE TRE SIAMO FORTUNATI. QUESTA E’ LA POLITICA DELLA RAI CHE PROMETTE MOLTO E NON FA NULLA, SIAMO PROPRIO IN ITALIA !!!!!!!

  4. OLTRE AL CANONE TV PAGO ANCHE UN ABBONAMENTO sky DOVE POSSO VEDERE LE RETI RAI E CON LA Sky Digital Key VEDO ANCHE I CANALI DIGITALI, ORA MI DOMANDO, VISTO CHE è TUTTO TRACCIABILE E SAPETE BENISSIMO CHI HA COSA E COSA PAGA QUANTE VOLTE DEVO PAGARE PER VEDERE I PROGRAMMI RAI, IMMAGINO CHE SKY DEBBA POI PAGARE LA RAI PER TRASMETTERE I CANALI RAI QUINDI IO PAGO LA RAI E SKY SEMPRE PER VEDERE LE STESSE COSE , NON VI SEMBRA

  5. Buongiorno,
    scrivo non tanto per commentare l’articolo, quanto per capire (qualora qualcuno volesse rispondermi) se il mio ragionamento seguente sia fondato o meno:
    a seguito di un cambio residenza, la RAI, invia a Tizio una lettera con posta ordinaria, dove si richiede il pagamento del canone come nuovo abbonato (basandosi presuntivamente sul fatto che, essendosi creato un nuovo nucleo familiare, questo si doti automaticamente e subito di un televisore).
    Ora, posto che quand’anche dovesse presentarsi un incaricato RAI per verificare la presenza di un televisore all’interno dell’abitazione, non si è tenuti a farlo entrare in casa; posto che se Tizio non ha un televisore non credo abbia l’obbligo di comunicare alla RAI tale circostanza, anche in considerazione del fatto che il sollecito inviato a mezzo di posta ordinaria potrebbe non essere stato ricevuto; qualora la RAI provvedesse ad iscrivere a ruolo i canoni presuntivamente dovuti e non pagati, ritengo si possa fare ricorso sostenendo che negli anni di riferimento non si possedesse un televisore.
    E’ come se un cittadino sprovvisto di automobile dovesse comunicarlo a qualcuno di competenza a pena vedersi notificare il ruolo relativo al bollo auto non pagato!
    In questo caso, qualora Equitalia dovesse pretendere le somme relative al canone RAI non pagato, chi e come può dimostrare che negli anni di riferimento si fosse in possesso di un televisore?

  6. Una cortesia, non chiamatelo abbonamento o canone Rai. E’ una tassa di possesso del televisore, se poi capta o meno i segnali attraverso l’antenna chi se ne importa?
    L’abbonamento si intende, è quando viene richiesto specificatamente da chi vuole esserlo.

  7. Titolo ingannevole! In realtà non ci sono ” Modi per non pagare il canone” bensì solo il diritto di non pagarlo se si hanno redditi inferiori a 517 euro al mese.
    (Neanche a dirlo che se non si ha il tv non si paga il canone, ci mancherebbe!)

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here