Il Parlamento Europeo ha approvato tre direttive con le quali riforma l’intero sistema degli appalti pubblici, lasciando agli Stati membri  la facoltà di decidere se rendere vincolanti, in sede di recepimento, le principali prescrizioni contenute.

In particolare le tre direttive investono il settore degli appalti pubblici in generale, degli appalti per servizi nei settori acqua, energia, trasporti e servizi postali e dei contratti di concessioni pubbliche.

Gli obiettivi principali della riforma sono: favorire l’accesso alle gare  anche alle piccole e medie imprese, potenziare l’uso “strategico” degli appalti pubblici attraverso regole e criteri di aggiudicazione capaci di contrastare le diverse forme di dumping sociale,  favorire processi produttivi innovativi e rispettosi dell’ambiente,  garantire  il miglior rapporto qualità-prezzo.


Le direttive entreranno in vigore 20 giorni dopo la loro pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea. A partire da tale data, gli Stati membri avranno 24 mesi per trasporre le disposizioni delle nuove norme nel diritto nazionale.

In vista del recepimento di tale direttive europee, un ruolo strategico sarà svolto dall’AVCP, chiamata a contribuire nelle competenti sedi istituzionali, mediante proposte o segnalazioni.

Per tale motivo, l’Authority ha convocato un’audizione per il 28 gennaio prossimo invitando i soggetti interessati a presentare le proprie osservazioni e proposte.

Lo studio Giurdanella&Partners sarà presente alla seduta con l’intenzioni di presentare delle proprie osservazioni in merito alle nuove direttive. Invito coloro che siano interessati a far pervenire allo studio suggerimenti, segnalazioni e proposte all’indirizzo studio@giurdanella.it entro il 24 gennaio.

Segnalo che sarà possibile seguire l’evento in diretta  sul profilo twitter GiurdanellaPartners(@giurdanellalex) che verrà aggiornato in tempo reale con le notizie provenienti dall’audizione in corso.

In allegato gli argomenti che verranno trattati nell’audizione


CONDIVIDI
Articolo precedentePatente: per i recidivi, i punti vanno a zero. Il testo della circolare
Articolo successivoLa relazione platonica come causa di addebito della separazione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here