Succede di tutto all’ottava conferenza dell’Avvocatura in corso a Napoli. Il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri, caldamente invitato nelle scorse settimane per ripianare i recenti dissidi emersi con i rappresentanti del mondo forense, ha deciso di disertare l’appuntamento e di recarsi a Mosca per il consiglio del partenariato permanente tra Ue e Russia. Ieri, in occasione dell’apertura dei lavori, intanto, sono volate urla e spintoni.

Motivo del contendere, secondo le ricostruzioni, la voce blanda con cui gli organismi forensi avrebbero protestato contro i recenti provvedimenti del governo in fatto di giustizia, secondo le proposte che l’Oua avrebbe redatto in maniera unitaria nel pomeriggio.

Tra gli argomenti più caldi, naturalmente, figurano il filtro in appello, la mediazione obbligatoria reintrodotta dal decreto del fare, e l’ultimissima revisione del processo civile, ancora una volta finalizzata a ridurre l’arretrato, principalmente in sede di appello.


Sulla sua assenza, infine, il ministro Cancellieri ha dichiarato“Loro pensano che napoli sia più importante di Mosa  dove si trova attualmente il Guardasigilli – ma la mia presenza qui è molto più significativa. Ieri avvenuta una gazarra indegna di un Paese civile”.

La conferenza si concluderà domani, sabato 18 gennaio.


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl novissimo codice doganale comunitario
Articolo successivoNon solo moda: le passerelle della Milano Fashion Week

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here