Fra le novità introdotte dalla riforma Isee, c’è il cosidetto Isee Corrente, che consente di correggere un indicatore della situazione economica equivalente in corso di validità in presenza di particolari situazioni che comportano una rilevante variazione. Il caso classico è quella di perdita del lavoro, ma non è l’unico. La variazione deve essere pari ad almeno il 25% dell’indicatore della situazione reddituale (che è una delle componenti della dichiarazione Isee, insieme a quello sulla situazione patrimoniale, immobiliare e mobiliare).

La variazione reddituale deve essere accompagnata da un significativo cambiamento nella posizione lavorativa di almeno uno dei componenti del nucleo familiare nei 18 mesi precedenti la richiesta della prestazione (si ricorda che l’Isee serve ad accedere a prestazioni di welfare). Nel caso di un dipendente a tempo indeterminato, è possibile chiedere l’Isee corrente in caso di perdita del lavoro, ma anche di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa.

Per un dipendente a tempo determinato, la condizione è che ci siano stati almeno 120 giorni di contratto a termine nei 12 mesi precedenti alla cessazione del rapporto. Per un lavoratore autonomo, in caso si cessazione di un’attività che sia proseguita per almeno 12 mesi.


Per calcolare l’Isee corrente bisogna inserire i redditi conseguiti negli ultimi 12 mesi (da lavoro dipendente, da attività d’impresa o di lavoro autonomo, da trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari). La richiesta di Isee corrente si presenta compilando un apposito modulo sostitutivo, con il quale in pratica si rettifica la DSU, dichiarazione sostitutiva unica, precedentemente presentata.

Bisogna allegare anche la documentazione e certificazione attestante la variazione della condizione lavorativa. Sulla base di questi nuovi dati, si ridetermina l’indicatore della situazione reddituale, e l’Inps provvederà a calcolare il nuovo Isee, mantenendo inalterati l’indicatore della situazione patrimoniale e gli altri parametri. L’Isee corrente dura per soli due mesi (l’Isee ordinario invece vale per l’intero anno in cui è stata presentata, fino al 15 gennaio dell’anno successivo).

Vai al testo del decreto sul nuovo Isee

Vai allo speciale Isee di Leggioggi

GUIDA AL NUOVO ISEE (EBOOK FORMATO PDF)

GUIDA AL NUOVO ISEE (EBOOK FORMATO PDF)

2014, Fisco e Tasse

Dopo 25 anni l’ISEE cambia volto e diventa un vero e proprio strumento in grado di accertare la ricchezza delle famiglie, non solo il reddito, e a stroncare il fenomeno delle prestazioni sociali agevolate a chi non ne ha diritto. Ci sono voluti due anni di tempo dalla...




CONDIVIDI
Articolo precedenteSciopero dei Forconi: riuscirà o sarà un flop?
Articolo successivoLegge di stabilità 2014, emendamenti in arrivo per esodati e pensioni

1 COOMENTO

  1. Trovo assolutamente illegittima la parte in cui per la redazione dell’isee corrente per un lavoratore a tempo determinato ci sia come condizione l’aver lavorato o avuto un contratto di almeno 120 giorni nell’anno precedente la data di licenziamento. Per questa assurda condizione….io ho lavorato solo un mese in quanto licenziata prima della scadenza naturale del contratto che avevo ai tempo determinato..e nessun caf ha potuto compilarmi una dsu corrente…risultato perdita Dell borsa di studio per mia figlia universitaria e pagamento delle tasse universitarie più alte…grazie Renzi..ancora una volta dalla parte dei più deboli

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here