Domenica 8 dicembre si terranno in tutta Italia le primarie per la segreteria del Partito democratico. Ecco i punti principali nel programma di Matteo Renzi, sindaco di Firenze, che si presenta da favorito secondo il pronostico.

Lavoro: riforma dei Centri per l’impiego, rifondazione della formazione professionale, certificazione dei bilanci dei sindacati, potenziamento dei posti di lavoro nell’economia digitale

Diritti: leggi sull’accoglienza, difesa della legalità. Sì a misure più drastiche contro femminicidio e omofobia


Giustizia: riforma della giustizia civile, penale e amministrativa, riforma delle leggi Bossi-Fini e della Giovanardi, cambiamento della custodia cautelare, potenziamento pene alternative. No all’indulto

Welfare: contributo di solidarietà alle pensioni d’oro, modifiche radicali alla spesa pubblica, aiuto alle famiglie povere con minori a carico

Mezzogiorno: controllo del territorio contro illegalità, apertura mercati chiusi

Spesa pubblica e fisco: Mettere online tutte le spese dello Stato e di tutte le amministrazioni locali, abbattere radicalmente il numero delle leggi in materia fiscale e amministrativa. Il recupero dell’evasione andrà integralmente alla riduzione delle tasse, non a generare ulteriore spesa

Europa: meno burocrazia, spinta all’Unione federale, porre le basi per una diplomazie unitaria, risorse certe e autonome per il bilancio Ue, elezione diretta del presidente europeo, poteri esecutivi per la Commissione, servizio civile europeo per tutti i giovani studenti.

Economia: Bce sul modello della Federal Reserve americana, cambio del tetto del 3% sul rapporto deficit/Pil

Scuola: da gennaio, via a un piano di ascolto con il coinvolgimento di insegnanti, di assessori alla scuola (sia piattaforma tecnologica che vis-a-vis)

Sistema politico: bipolarismo “gentile, ma netto”, per una legge elettorale chiara, che assicuri governabilità, proposta già dai deputati Pd

Pd: scuola di formazione alla politica, rottamazione delle correnti

Vai alla mozione integrale di Matteo Renzi per la corsa alla segreteria Pd

Vai al sito di Matteo Renzi

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteNuovo Isee 2014, il testo del decreto per la pubblicazione in Gazzetta
Articolo successivoSuperInps, conti in rosso per pensionati e dipendenti pubblici

6 COMMENTI

  1. Signor Renzi io e i miei parenti, siamo di idee politiche, di destra. Ma adesso sia x le primarie e anche quando si voterà, siamo tutti x te. Io sono vecchietto, e sono molto preoccupato, il popolo è molto, ma molto!! Stango, tu sei la nostra ultima speranza, tanta gente non crede più a nessuno politico, molti di loro si comportano come delle belve affamate, non vogliono mollare la preda, ma se non mollano oggi? Con il voto? Lo molleranno fra non molto. Con le cattive. Un sincero saluto e speriamo bene

  2. E DELLA SANITA’, DELLA SALUTE, NON SI DICE NULLA?
    DEGLI ANZIANI, DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI, DEI DISABILI CHE SI PENSA DI FARE?
    QUALI SCELTE ECONOMICHE-POLITICHE NEL MERITO?
    E NEL MERITO DELLA CULTURA?

    PERCHE’ FARSI SOSTENERE A VENEZIA DALL’ASSESSORE MAGGIONI, FERRAZZI? E DA STRADIOTTO…CON CIO’ CHE E’ ACCADUTO?
    MOLTI CE LO CHIEDIAMO, MOLTI CHE TI AVREMMO VOTATO LA VOLTA PRECEDENTE,
    ORA C’E’ MOLTA INDECISIONE SU QUESTE PERSONE, CHE NON HANNO DIMOSTRATO DI ESSERE AMMINISTRATORI SERI!

    SI GRADISCE UNA RISPOSTA CORRETTA, DA INOLTRARE ANCHE AD ALTRI?
    GRAZIE. ANDREINA

  3. 1 -Parlando con miei coetanei pensionati qualcuno che ti voleva votare ,ora non voterà più RENZI ,perché non sei stato molto chiaro sull’argomento pensioni e hanno paura che ritocchi anche le pensioni basse .
    Prima Monti ora Letta area PD ,con questi signori sono tre anni che le pensioni 3 volte il minimo non vengono adeguate, questo si ripercuoterà per tutta la vita del pensionato Grazie politici .
    2 – Personalmente domani sarò a Empoli poi deciderò .
    Io ti ho sostenuto sin dall’inizio ,prima Renzi poi votando Gelli
    UN saluto cordiale e Auguri x domenica
    GM15

  4. I programmi sono promesse fino a quando non vengono indicati i tempi. I tempi sono il vero problema che rende non credibile la politica del nostro paese. Quindi i tempi e soprattutto la responsabilità a carico non dello stato ma di coloro che ritardano le azioni o commettono errori. Quando l’Europa condanna l’italia per le infrazioni e soprattutto per gli errori della Giustizia, paga il popolo, mentre i responsabili continuano a restare al loro posto, a fare danni e a continuare a percepire lo stipendio. Va cambiata la filosofia della politica, delle scelte e delle responsabilità. Per colpa della politica oggi ci troviamo con un parlamento illegittimo e con una montagna di leggi illegittime, approvate da rappresentanti illegittimi. Equitalia, per esempio è un soggetto inesistente. Può ancora continuare a perseguitare i cittadini in forza di leggi illegittime ed inefficaci.? Secondo la decisione della corte costituzionale sul porcellum no. Qualche solone certamente si addentrerà nei meandri dei principi costituzionali ed in quelli del Nostro Ordinamento Giuridico, per trovare una via a sostegno della validità di quanto accaduto. In un paese serio il Presidente della Repubblica avrebbe sciolto tutti e avrebbe consegnato le chiavi all’Europa.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here