tasse

Cartelle esattoriali, il grande dilemma: in quali termini e occasioni è possibile fare ricorso? Come procedere per vedere rispettati i propri diritti di contribuente anche nello stato di debito dichiarato dall’ente di riscossione? Ne discutiamo con l’avvocato Nunzio Santi Di Paola,  tributarista e autore di numerosi testi in materia, tra cui il recente “Le impugnazioni della cartella esattoriale” (Maggioli) .

 

Impugnazione della cartella esattoriale: di cosa si tratta? E perché farvi ricorso?


La cartella esattoriale è un atto emesso dal Concessionario della Riscossione con il quale viene data comunicazione al contribuente della sua posizione debitoria nei confronti dell’ente impositore. Nel caso in cui il carico iscritto a ruolo non sia dovuto ovvero la cartella presenti vizi di nullità, è necessario proporre ricorso nei termini di legge al fine di ottenere la sospensione e l’annullamento del provvedimento ed evitare l’espropriazione forzata.

 

Chi può avanzare l’impugnazione? Quali sono le varie modalità?

Il contribuente che ha ricevuto la notifica della cartella di pagamento può proporre ricorso dinnanzi al giudice competente nei termini di legge  – a seconda della natura del debito iscritto a ruolo – ovvero può chiedere l’annullamento direttamente al Concessionario ottenendo l’immediata sospensione della procedura esecutiva ai sensi dell’art. 1 della Legge di Stabilità 2013 ma solo in alcuni casi tassativamente determinati.

 

Quali sono i termini e i modi per la corretta notificazione?

I termini per la corretta notifica della cartella di pagamento variano a seconda del tributo iscritto a ruolo: ad es. nel caso di iscrizione a ruolo a seguito liquidazione automatica ex art. 36 bis D.P.R. 600/1973 la cartella di pagamento deve essere notificata entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione ovvero nel caso di sanzioni amministrative per violazione alle norme del codice della strada nel termine di cinque anni dalla commessa infrazione. Per quanto riguarda, invece, le modalità di notifica si applicano le disposizioni del codice di procedura civile con alcune esclusioni.

 

Quanto tempo è necessario, in media, prima che si arrivi ad instaurare un giudizio?

L’eventuale giudizio di impugnazione dovrà essere intrapreso nel termine di sessanta giorni dalla notifica della cartella di pagamento nel caso di debiti tributari, quaranta giorni nel caso di recupero di contributi previdenziali, trenta giorni nel caso di sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada qualora si facciano valere vizi dell’iscrizione a ruolo per mancata notifica dell’atto presupposto.

 

Nel ddl delega fiscale (A.S.1058) attualmente all’esame del Senato, c’è un articolo sulla riscossione: se la riforma diventerà legge, cosa cambierà in concreto?

In materia di riordino della riscossione delle entrate locali, la legge delega propone la revisione della procedura dell’ingiunzione fiscale e delle ordinarie procedure di riscossione coattiva dei tributi, per adattarle alla riscossione locale. Inoltre, il Governo dovrà provvedere affinché vengano ulteriormente snellite le procedure di recupero dei crediti di modesta entità e vengano previste iniziative per rafforzare all’interno degli enti locali le strutture e le competenze specialistiche necessarie per la gestione diretta della riscossione, ovvero per il controllo delle strutture esterne affidatarie stante che a partire dal 30 dicembre 2013 Equitalia non procederà più alla riscossione dei tributi per i Comuni.  

 

Le impugnazioni della cartella esattoriale

Le impugnazioni della cartella esattoriale

Nunzio Santi Di Paola, 2013, Maggioli Editore

L'opera, con FORMULARIO, aggiornata al DECRETO DEL FARE (D.L: 69/2013 convertito con modifiche in L. 98/2013) e alla provvisoria disciplina del processo telematico tributario, intende fornire all'operatore del diritto un quadro sintetico ma pur sempre completo del PROCEDIMENTO da seguire quando...




CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di stabilità 2014, esclusiva: il testo degli emendamenti approvati
Articolo successivoCIVIS: l’assistenza del Fisco alla prova dei cittadini

1 COOMENTO

  1. Non è possibile lasciare ,a gente incompetente, una societa’ di riscossione come Equitalia,fondata ,oltre per la parte ufficiale di riscuotere i crediti, ma sopratutto per AGGIRARE le leggi ( in Italia esiste il silenzio assenso per i cittadini ed il silenzio NON-assenso ,per truffare i cittadini, da parte di Equitalia ,quindi da parte dello stato.Se un cittadino presta dei soldi ,ad altro cittadino e gli chiede interessi superiori a tot (non vorrei dire stupidate ma parliamo di 10 % ?,posso sbagliare) mentre Equitalia tra interessi e mora supera il 20 %,pensiamoci ma dobbiamo andare tutti a rubare per fare mangiare i dirigenti statali con panini dorati ?Inoltre anche se spendi fior di soldi con avvocati ,rispondendo ad Equitalia che la cartella esattoriale,come da art.di legge,è errata perchè ti viene contestata una sanzione che non ti spetta in quanto la tua posizione ,socio-aziendale,non è quella che ti viene contestata, ebbene,Equitalia,fregandosene degli avvocati (oltretutto MOLTO BEN PAGATI per colpa di Equitalia ) ti ipoteca la casa e prosegue a conteggiare le cifre come se fossero briciole creando ,all’interno di famiglie,oltre che problemi economici,anche problemi relazionari.Bravo stato sei il primo ente mafioso dell’italia con lo scopo di ammazzare la gente (vedi oramai spesso qualcuno che si ammazza,e speriamo che questi morti si piazzino sullo stomaco di chi crea queste leggi) per mangiare anche laddove hai torto marcio e non lo ammetti.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here