Ieri con il parere emanato dal Garante della Privacy è arrivato un via libera, ma condizionato, al redditometro 2013: non potranno esserci controlli selvaggi, ma solo verifiche scrupolose che rispettino la normativa e tutelino i contribuenti.

Così, resta da vedere quale sarà la via prescelta dalle Entrate per modificare lo strumento di analisi e misurazione tra dichiarazione dei redditi e spese sostenute nello stesso periodo di imposizione fiscale. Se si sceglierà la strada legislativa, con un decreto correttivo o qualche provvedimento più a lungo termine, i tempi finirebbero per dilatarsi nuovamente per il via ufficiale all’esame dei 35mila casi sospetti rilevati dal fisco (anno 2010, redditi 2009).

Come noto, infatti, il redditometro altro non è che il congegno ideato da governo e Agenzia delle Entrate per rilevare gli scostamenti più vistosi tra reddito ufficialmente presentato all’erario e tenore di vita. Tutto ciò, in base alle certificazioni delle spese sostenute, come scontrini o ricevute, insieme al patrimonio immobiliare e ad eventuali investimenti mobili, immobili o finanziari effettuati. Insomma, c’è dentro di tutto e proprio per questa ragione il parere del Garante della Privacy uscito ieri era molto atteso e, visto il tono con cui si è rivolto al fisco, potenzialmente in grado di frenare, ancora una volta, l’entrata in vigore definitiva del redditometro.


In procinto di avviare i controlli dal maggio 2010, quando venne presentato con un decreto poi puntualmente convertito, il redditometro suddivide i contribuenti in undici fasce rispetto al nucleo famigliare, a seconda del numero dei componenti, dell’età dei genitori e di quella dei figli.

Questi dati serviranno poi come parametri da commisurare a oltre 100 voci di spesa, anch’esse ripartite per sette categorie merceologiche, che passano dai mezzi di trasporto all’abitazione, dai contributi previdenziali alle attività sportive, dagli investimenti a tutti gli altri oneri di spesa che il fisco è in grado di verificare.

A questo proposito, e dato l’altissimo potenziale di intrusività del redditometro, il Garante per la Privacy ha messo in guardia le Entrate di svolgere i propri controlli solo in base a spese certe e di rifuggire dalle medie Istat per evidenziare eventuali casi di eccesso, che vadano oltre il 20% tra dichiarato e spese sostenute, così come previsto dalla legge sul redditometro.

Così, di fronte a queste raccomandazioni, resta da capire come procederanno le Entrate: se il redditometro necessiterà di una nuova messa a punto, allora i tempi di allungheranno nuovamente, ma se le Entrate opteranno per i controlli promettendo di rispettare le indicazioni sulla Privacy, allora lo strumento anti evasione potrebbe vedere la luce, seppure in fase sperimentale.

Vai al testo completo del parere

Vai allo speciale redditometro di Leggioggi


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di stabilità 2014, verso fiducia e maxi emendamento. Il testo
Articolo successivoIniziare a ridurre il ‘cuneo fiscale’ oppure no?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here