Domenica 8 dicembre si terranno le primarie per la segreteria del Partito democratico dopo le dimissioni di Pier Luigi Bersani e il traghettatore Guglielmo Epifani. In lizza per guidare il primo partito alle ultime elezioni sono Gianni Cuperlo, Pippo Civati, Matteo Renzi e Gianni Pittella.

Iniziamo la rassegna dei candidati partendo proprio dal favorito, e sindaco di Firenze in carica, Matteo Renzi.

Sposato, tre figli, Renzi è nato a Firenze l’11 gennaio 1975. A soli 29 anni, nel 2004, era già presidente della provincia fiorentina, dopo essersi laureato in Giurisprudenza con una tesi sull’ex primo cittadino gigliato Giorgio La Pira. La sua attività politica era però cominciata nel 1996, quando partecipò attivamente alla diffusione della rete dell’Ulivo di Romano Prodi in Toscana, passano poi al direttivo fiorentino della Margherita, fino alla confluenza nel Partito democratico.


Dopo il primo quinquennio in provincia, nel 2008 preferì candidarsi alle primarie per diventare sindaco di Firenze invece di accettare un secondo mandato. Contro ogni pronostico, la sua candidatura risultò vincitrice nel test di coalizione e l’anno successivo Renzi si aggiudicò la fascia tricolore vincendo al ballottaggio contro l’ex portiere del Milan e della Nazionale Giovanni Galli.

Dopo qualche anno in naftalina come astro nascente della politica italiana, Renzi nel 2012 si candidò a guidare la coalizione di centrosinistra alle elezioni politiche del febbraio successivo, sfidando il segretario del Pd Bersani in uno scontro che suscitò aspre polemiche dentro al partito, in particolare per i vari cambi di regolamento che vennero decisi a ridosso del voto. Dopo il ballottaggio, Renzi riconobbe la propria sconfitta e, nei giorni immediatamente precedenti al voto, tornò in pista per appoggiare il candidato del centrosinistra.

Espressione della spinta innovatrice del partito, come confermato dal leit-motiv della rottamazione che lo sostenne in campagna elettorale alle scorse primarie, Renzi ha deciso dunque di candidarsi a segretario del Pd presentando questa mozione.

Vai al testo della mozione Renzi


CONDIVIDI
Articolo precedenteDelitto di Garlasco. La Cassazione dice: “Tutto da rifare”
Articolo successivoProvince: i risparmi “al chilo” immaginati da Delrio, smentiti dalla Corte dei conti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here