Novembre è cominciato e il ticchettio dello spesometro 2013 si fa sempre più pressante su professionisti e imprese che, entro i prossimi 20 giorni, saranno chiamati a girare all’Agenzia delle Entrate tutti i dati sulle operazioni fatturate. Ma le migliaia di studi e di partite Iva si scontra con una giungla di problemi tecnici, che rendono difficilissime le operazioni di disbrigo del materiale.

Come noto, le scadenze principali dello spesometro 2013 sono il 12 novembre per chi liquida l’Iva mensilmente e il 21 per chi invece pratica l’opzione trimestrale. In entrambi i casi, i diretti interessati saranno chiamati a compilare il modello di comunciazione polivalente, scegliendo tra una delle due vie possibili: o la comunicazione analitica o la veste aggregata.

Comunque sia, a parere dei commercialisti, il tempo per aggiornarsi è stato troppo poco e le novità troppo a ridosso della data ultima per l’invio dei dati compilati in maniera corretta all’Agenzia delle Entrate.


Così, Adc, Aidc, Anc, Andoc, Unagraco, Ungdced e Unico hanno scritto al ministro del Tesoro Saccomanni e al direttore delle Entrate, Attilio Befera, per chiedere ufficialmente una proroga, appellandosi al comma 2 dell’articolo 3 dello Statuto dei diritti del contribuente, laddove si specifica che “le disposizioni tributarie non possono prevedere adempimenti a carico dei contribuenti la cui scadenza sia fissata anteriormente al sessantesimo giorno dalla data della loro entrata in vigore o dell’adozione dei provvedimenti di attuazione in essere espressamente previsti”.

Una previsione in cui non ricade, secondo quanto messo in luce dalle associazioni richiedenti, il caso dello spesometro, sotto la lente di ingrandimento anche da parte della Confenderazione dell’industria manifatturiera italiana e dell’impresa privata. Queste ultime associazioni di rappresentanza hanno richiesto la proroga anche per alcuni nei del modello di comunicazione polivalente, che renderebbero la compilazione assai problematica. 

Oltretutto, si fa notare, l’efficacia dei nuovi obblighi amministrativi, secondo le disposizioni contenute nel decreto del Fare, dovrebbe avvenire essenzialmente nelle uniche due date del primo luglio e del primo gennaio, ragion per cui una proroga almeno a inizio 2014 per lo spesometro dovrebbe essere garantita.

Vai allo speciale spesometro 2013 con tutti gli aggiornamenti


CONDIVIDI
Articolo precedenteTutto sulla Tares: così, come si calcola, chi la deve pagare
Articolo successivoI tre amici al bar piangono sulla pensione e sull’assenza di giovani pediatri

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here