Ormai manca davvero poco all’avvio dei nuovi quiz ministeriali per la patente. La data già fissata per tutti gli operatori di scuola guida e dai giovani che si avvicinano al traguardo della patente è quella del prossimo 4 novembre. A essere coinvolte saranno le categorie  A1, A2, A, B1, B, BE.

Insomma, tutte le più comuni categorie di licenza di guida, che consentono di condurre automobili, motori di bassa cilindrata e mezzi affini, ricadono tra i destinatari della riforma. 

Come ogni rivoluzione, i futuri esaminati temono di rimanere vittima delle novità introdotte dal Ministero. Gli insegnanti possono essere ancora poco avvezzi alle nuove domande e non riescono a preparare gli iscritti a dovere; gli aspiranti automobilisti, da parte loro, hanno paura di cadere in qualche tranello del nuovo sistema di quiz.


Ecco, allora, una guida semplice e esaustiva per preparare a dovere l’appuntamento tanto temuto con la teoria dell’esame di guida VAI AL VOLUME

In realtà a cambiare non sarà la tipologia di valutazione, che resterà la classica dei 40 quiz a risposta multipla, dove saranno ammessi solo 4 errori. Dunque, muteranno le domande, che metteranno alla prova anche coloro che, da mesi, si sono esercitati magari esaurendo il “librone” del Ministero più volte, imparando in qualche caso anche le risposte a memoria.

Naturalmente, con il cambio dei quesiti, tutto ciò risulterà più difficile, ma il metodo migliore per superare lo scoglio del’esame resta il solito: studiare, acquisire famigliarità con i quiz e comprendere al meglio le richieste del Ministero.

Dunque, segnaliamo per tutti i futuri patentati ““La patente di guida – nuovi quiz ministeriali” un testo completo, aggiornato all’ultimissima schedatura delle domande elaborata dal Ministero. Il volume è arricchito da un cd-rom con l’applicazione Webpatente che include sia le classiche prove dei quiz, per testare il proprio livello di preparazione, che allenamento su specifici temi, che i candidati possono trovare particolarmente ostici. Il contenuto multimediale è compatibile con personal computer sia Windows che MacOS X.Da oggi, i nuovi quiz per la patente fanno un po’ meno paura.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteRedditometro 2013, il testo della lettera dell’Agenzia delle Entrate
Articolo successivoContributo unificato appalti, gli avvocati amministrativisti ricorrono alla Cedu

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here