“Letta chiederà la fiducia al Parlamento, farà vedere una foto di Renzi e dirà: ‘Paura, eh?’ “. Così un corrosivo Maurizio Crozza ha aperto la sua copertina settimanale a Ballarò, a poche ore dalla resa dei conti in Parlamento per il governo.

“Per la prima volta dopo vent’anni c’è stato qualcuno che ha osato sfidare il padre. Cicchitto è un dissidente, Alfano come Django…Alfango, un film di Quentin Tarantini…” Questa la metafora cinematografica scelta dal comico per descrivere la situazione inaudita che vede contrapposti Berlusconi e alcuni suoi ex fedelissimi nel voto cruciale per il proseguimento dell’esperienza di governo.

“Ma magari si dimettesse qualcuno..qui non lasciano, anzi raddoppiano. La notizia che Giovanardi fonda un nuovo partito dà la stessa gioia della sabbia nelle vongole o nello strappo nei pantaloni durante un matrimonio”. Questa, secondo Crozza, l’emozione che suscita la notizia secondo cui 40 parlamentari del Pdl sarebbero pronti ad andare contro il fondatore e leader per votare la fiducia al governo Letta.


Poi, però, l’analisi di Crozza diventa più seriosa quando richiama alla memoria il metodo Boffo, sul quale il segretario Pdl Alfano in queste ore ha messo in guardia gli organi di stampa vicini a Berlusconi“Ma se non vi piaceva – chiede il comico – non potevate dirlo quando veniva usato per esempio contro Fini? Sarebbe come Robespierre che di fronte alla ghigliottina dice che con lui questo marchingegno non funzionerà…”

Poi Crozza prende di mira il direttore del Giornale, il quotidiano che più di ogni altro ha fatto ricorso al metodo Boffo per mettere in difficoltà i nemici di Berlusconi: “Cosa scriverete? – chiede il comico – Scrivetere che la suocera di Lupi è buddhista? O che Cicchitto ha fatto le scuole ad Al Qaeda?”

Il finale vede Crozza nell’imitazione di Napolitano, a risposta delle ultime accuse da parte berlusconiana..ma questa è da vedere.

Guarda la copertina di Maurizio Crozza a Ballarò del primo ottobre 2013


CONDIVIDI
Articolo precedenteCrisi governo, Letta in Senato: la diretta streaming del voto di fiducia
Articolo successivoAumento Iva 22%: ecco quando scattano le sanzioni

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here