Scherzo del destino oppure no, proprio nel giorno del click day in cui si aprono le procedure per accedere al bonus assunzioni per i giovani, il Cnel dirama il peggior resoconto sull’occupazione giovanile della storia repubblicana.

Il quadro dispiegato dall’organo costituzionale, è a dir poco desolante: tra i giovani i non occupati sono ai massimi storici e il 2013 è già in archivio come il peggior anno di sempre in termini lavorativi da quando esistono le statistiche. Nella fascia under 30, poi, in preoccupante aumento coloro che non si trovano né  occupati, né in studio o in fase di formazione: ormai il 24%, con picchi del 35% in alcune regioni del Sud.

Insomma, non poteva esserci giorno migliore, per l’Inps, per aprire il cosiddetto click day, ossia la possibilità per le aziende di iscriversi telematicamente al piano di incentivi varato dal governo Letta con il pacchetto occupazione giovanile.


Come si ricorderà, in base al decreto, sono due i requisiti base che consentono alle aziende di risparmiare sui contributi versati ai giovani assunti a tempo indeterminato: la mancanza del diploma di scuola superiore o lo stato di disoccupazione dal almeno sei mesi.

Nel complesso, sono quasi 800 i milioni di euro stanziati dal governo per questo piano di occupazione rivolto agli under 29 anni, che dovranno essere utilizzati entro il 2016.

Le domande inoltrate tramite il portale dell’istituto di previdenza dovranno attenersi alle assunzioni in organico avvenute tra lo scorso 7 agosto e il 30 giugno 2015, con l’incentivo che corrisponderà a un terzo della retribuzione, e un tetto di 650 euro mensili, più un limite temporale fissato a 18 mesi. Sei mesi in meno, invece, per i casi in cui si cercherà di trasformare i rapporti a termine in tempo indeterminato.

Dalle 15 di oggi è disponibile sul sito dell’Inps il modulo “istanza 76-2013-prenotazione”, dall’area DiResCo del portale, cui si accede dal menu: Servizi on line > Per tipologia di utente > Aziende, consulenti e professionisti > Servizi per le aziende e consulenti (autenticazione con codice fiscale e pin) > “Dichiarazioni di responsabilità del contribuente”. Andranno completati i campi relativi a generalità del lavoratore e la regione in cui ha sede l’azienda.

Secondo le disposizioni, nell’arco di 24 ore l’Inps è già in grado di confermare al datore di lavoro sullo sblocco dei fondi a lui destinati; dopodiché, ci saranno 7 giorni di lavoro per procedere alla somministrazione del contratto al lavoratore, più altri 14 per confermare il tutto sempre nell’apposita area telematica.

Vai al sito Inps

Vai al testo del decreto lavoro


4 COMMENTI

  1. non riesco ancora ad effettuare la domanda se qualcuno ci è riuscito per favore mi aiuti grazie in anticipo

  2. SCRIVO DALLA REGIONE FVG SEDE INPS GORIZIA E PURTROPPO SONO DALLE 15 CHE TENTO DI EFFETTUARE UNA PRENOTAZIONE MA IL SISTEMA DIRESCO DA’ ERRORE NEL CARICAMENTO DATI AZIENDALI …. CON IL RISULTATO CHE NON SONO ANCORA RIUSCITA AD EFFETTUARE LA PRENOTAZIONE?
    MA NELLE ALTRE REGIONI VA MEGLIO?
    GRAZIE.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here