Proprio quando sembrava alle porte il momento delle pensioni, il governo Letta affronta il passaggio più critico della sua breve esistenza, che potrebbe anche portare alla dissoluzione della maggioranza, nel caso il Pdl togliesse definitivamente l’appoggio.

Si deciderà tutto nelle prossime ore: dopo la sentenza in Cassazione per Silvio Berlusconi nel processo Mediaset, con quattro anni di condanna e l’interdizione certa dai pubblici uffici da ricalcolare, il Popolo della Libertà, secondo “azionista” del governo insieme al Pd, minaccia di far chiudere bottega a Enrico Letta.

Le condizioni per proseguire il cammino dell’esecutivo, a detta degli esponenti Pdl, sarebbero quelle di eliminare una volta per tutte – e per tutte le fasce di reddito – l’Imu, nel periodo in cui finisce sotto osservazione la fiscalità immobiliare per effetto del rinvio di giugno. Naturalmente, però, il vero casus belli all’interno delle forze di governo è rappresentato dalla questione che si troverà sottoposta la Giunta per le elezioni del Senato il prossimo lunedì 9 novembre, quando potrebbero essere decise le sorti del Cavaliere.


A pendere sul suo futuro politico, infatti, oltre all’interdizione, c’è anche la legge Severino del 2012, approvata anche dallo stesso Pdl, che prevede a tutti i condannati per reati al di sopra dei due anni l’esclusione dalle cariche elettive e la non candidabilità: nel caso l’organismo di palazzo Madama si pronunci per la decadenza di Berlusconi, allora, il Pdl potrebbe decidere di staccare la spina al governo.

Questo, naturalmente, scatenerebbe un terremoto politico, ma, soprattutto, bloccherebbe sul nascere tutti i tentativi di riforme in campo welfare, finora quello più ignorato dai decreti governativi delle larghe intese.

Sul banco, c’è, innanzitutto, il rinnovo della Cassa integrazione, il cui miliardo di plafond messo a disposizione a maggio è già da tempo prosciugato. Soprattutto, a livello generale, però si attendono alcuni ritocchi più o meno sostanziosi alla legge Fornero sulle pensioni, che, se il governo andasse in crisi, resterebbe di fatto immutata.

In primis, è in cantiere un nuovo decreto per altri 20-30mila esodati, finora esclusi dai piani di rientro varati dal precedente esecutivo di Mario Monti (130mila le posizioni in via di lento salvataggio da ormai un anno).

Quindi, rischia di fermarsi sul nascere anche il tentativo di riportare la flessibilità in ottica pensionistica, senza però stravolgere l’impianto della normativa vigente. Secondo le parole del ministro Giovannini, infatti, non è pensabile una rivoluzione della legge Fornero che garantisce decine di miliardi di risparmi di spesa previdenziale fino al 2020, ma un’oliata per agevolare i meccanismi di ritiro dal lavoro, magari calmierando le faraoniche pensioni d’oro di alcuni manager pubblici e cercando, insieme, di innalzare le minime.

Dunque, al momento la situazione sembra questa: migliaia di esodati potranno essere salvati e la legge sulle pensioni rivista, se e solo se Berlusconi otterrà un salvacondotto dal Parlamento. Se la classe politica dovesse arrivare ad ammettere una volta per tutte che un cittadino di fronte alla legge è “più uguale degli altri”, poi potrà varare provvedimenti per alcune delle categorie più bistrattate dallo stato sociale. In alternativa, si prospetta già il desolante statu quo per nuovi, logoranti mesi di campagna elettorale. Ecco il vicolo cieco in cui l’Italia è prigioniera da vent’anni e da cui, in ogni caso, pare destinata a un’uscita ben poco onorevole.

Vai allo speciale riforma pensioni di Leggioggi

Vai allo speciale esodati di Leggioggi


3 COMMENTI

  1. Quante chiacchiere hanno fatto tutti quanti in compagna elettorale dicendo di voler gettare via la L. Fornero, pur di vincere. E dopo 5 mesi di annunci, rimandi e balle ci dicono-finalmente chiaro-che non ci sarà nessuna riforma per nessuno. Forse non si rendono conto dei rischi sanitari che si corrono tenendo per 42 anni un essere umano a fare qualcosa che ti ormai gli fa schifo e lasciando i giovani senza nessuna possibilità e senza considerare i costi conseguenti.
    E poi…e poi…e poi, come la con quel pò di felicità a cui ogni essere umano ha diritto, che non viene considerata affatto da questi nababbi che non sanno nemmeno quanto costa un litro di latte perchè tanto c’è la filippina che pensa a questa bazzecole.

    A questo punto ben venga la caduta, sperando che sia quanto più rovinosa possibile e che proprio la riforma delle pensioni diventi la loro tomba politica a vantaggio di Grillo alle prossime elezioni.

  2. la solita leggerezza dell’essere: ma cosa vogliono questi Italiani …non ci facciano perdere tempo con CIG, ESODATI, etc. La cosaimportante è salvare la KASTA, tutto il resto è noia! Qui al TWIGA ce la spassiamo. Non possiamo pensare di usare i risparmi garantiti dalla riforma Fornero (e rubati a migliaia di Italiani che stavano per andare in pensione ed ora sono con il c..o perterra), per risolvere questi problemini …dobbiamo discutere di come salvare il c…one del nostro KAPO!

  3. x m5s ,per carità, dateci un po di fiato, varate prima qualche legge suscritta sul welfare,prima delle vs beghe per scornarvi a vicenda andando al voto.non ce la facciamo più,i vecchi a lavorare,i giovani ad aspettare e i medi a sperare e tirare senza prospettive,prima del voto fateci respirare, se no rischiate ancora di più l’assenteismo alle urne.e basta promesse,avanti coi fatti.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here