A settembre, ormai alle porte, non è prevista alcune riforma delle pensioni, o per meglio dire, contro riforma Fornero. Lo ha confermato il ministro del Lavoro Enrico Giovannini, intervenendo a margine del Meeting di Comunione e Liberazione in svolgimento a Rimini.

Dunque, gli entusiasmi di qualche settimana fa sembrano definitivamente smorzati, dopo che lo stesso titolare del dicastero succeduto al ministro della riforma pensionistica più contestata, ha confermato che le regole non cambieranno.

Il ministro non ha approfondito il discorso, ma è evidente che a bloccare una possibile riforma delle pensioni 2013 siano, da una parte le condizioni politiche su cui si trova a vivere l’esecutivo e, dall’altra, la realizzabilità tecnica di un provvedimento che occuperebbe per settimane le sedute di Consigli dei ministri, aule e Commissioni.


Come sappiamo, a settembre è in previsione un intervento sugli esodati, che, sempre a detta di Giovannini, dovrebbe assicurare una copertura per altri 20-30mila esclusi dai decreti sin qui presentati.

Il testo, sicuramente, non avrà gioco facile nell’approvazione, perchè dovrà passare l’esame dei ragionieri di Stato, soprattutto in merito alle coperture finanziarie come al solito assai scarse.

Quindi, ci sono almeno altre due urgenze che il governo e il Parlamento si troveranno ad affrontare al rientro dalla pausa estiva: da una parte, la quota di giugno dell’Imu, per ora solo rimandata e, dall’altra, il rinvio al primo ottobre dell’aumento Iva al 22%, come confermato nel decreto lavoro in via di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Oltre a queste, poi, sorgono altre urgenze tra cui, prima di tutte, la proroga della Cassa Integrazione fino a  fine anno, dopo che il miliardo messo a  disposizione dal governo è stato esaurito in brevissimo tempo.

Quindi, c’è la questione fondamentale, che investe da vicino la sopravvivenza stessa dell’esecutivo, e che riguarda la decadenza o meno di Silvio Berlusoni dal seggio di senatore, a seguito della condanna da parte della Cassazione nell’ambito del processo Mediaset.

In questo panorama, dunque, attendersi a breve tempo una riforma delle pensioni rappresenta un’utopia. C’è, però, la possibilità di qualche piccolo intervento di riassesto delle prestazioni previdenziali, come ha sollecitato anche il presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua: in questo senso, anche i pensionati potranno trovare spazio nella già fitta agenda settembrina del governo Letta.

Vai allo speciale riforma pensioni di Leggioggi


CONDIVIDI
Articolo precedentePas – Tfa speciale: Atenei contrari ai corsi per infanzia e primaria
Articolo successivoLe video-riprese condominiali possono essere utilizzate come prova nel processo penale

4 COMMENTI

  1. ora che la schifosa riforma e’ stata varata in quattro e quattr’otto per il “bene dell’Italia e degli italiani” con i voti di destra e sinistra, dandoci da bere la favola che l’Italia sarebbe altrimenti fallita ( hanno forse fatto altro in mesi e mesi di governo monti?), figurarsi se intendono metterci mano questi esseri privi di morale, impegnati a mantenere con ogni mezzo i loro sacri “diritti acquisiti”. Pur sapendo che a noi hanno tolto anche la terra sotto i piedi, questi si presentano con le loro facce di bronzo in TV a suggerire, a far dichiarazioni e a dar consigli…. io mi nasconderei per la vergogna. INFAMI!!

  2. Si continua con la tecnica del rimandare c’è sempre qualcosa di più urgente e importante intanto chi ha perso il lavoro a 50, 55 anni o oltre vive nell’incertezza non si capisce mai chi è esodato e chi non l’ho è per vari cavilli e complicazioni legislativi la sostanza è che chi non ha più un lavoro prima con la somma tra contributi ed età anagrafica qualche possibilità l’aveva adesso deve aspettare i 67 anni e 7 mesi da disoccupato è vergognoso ma se la sinistra il PD non risolverà questi problemi la pagherà cara peccato che la pagheremo cara tutti.

  3. Questi politici continuano a rimandare la riforma delle pensioni, ma quelli che lavorano da 41 anni cominciano a innervosirsi. Potrebbero diventare pericolosi……………………………………
    Non si rendono conto che potrebbe nascere la primavera italiana!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. E noi vi freghiamo tutti alle prossime elezioni votando Grillo a tutto spiano. Dopodichè, con la maggioranza nelle mani del Movomento5stelle, vi processeremo per crimini contro l’umanità e vi daremo un ergastolo a testa, più la requisizione dei vostri beni da distribuire tra quelli che vi hanno hanno la vita da nababbi.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here