adegumanento_sismico

Con la conversione in legge del decreto n. 63 del 4 giugno 2013 è stata introdotta la possibilità di usufruire della Detrazione 65% anche per gli interventi edilizi che prevedono l’adeguamento sismico delle abitazioni e dei fabbricati produttivi. Tale novità  sarà destinata a diventare strutturale, e quindi senza scadenza temporale, a partire dal 1° gennaio 2014Per sfruttare la Detrazione 65% sull’adeguamento antisismico degli edifici è necessario che:

1. Gli edifici siano adibite ad abitazione principale o ad attività  produttive

2. Gli edifici ricadano nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) individuate dall’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri n. 3274/2003


Prima del 2003 l’Italia era classificata in tre categorie sismiche. Erano stati individuati all’interno di tali categorie 2.965 comuni italiani su di un totale di 8.102.

Zone di pericolosità  sismica, adeguamento e detrazione 65%, classificazione sismica comune per comune: scopri tutto nello speciale dedicato di Ediltecnico.it!!


CONDIVIDI
Articolo precedenteI Governi del Coreper danno il via libera alla riforma degli appalti nell’UE
Articolo successivoProcesso Mediaset: sentenza della Cassazione attesa per oggi pomeriggio

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here