Si annunciano tempi assai duri per i fumatori. E’ stato infatti previsto il divieto di fumare a scuola, e persino a bordo della propria auto, in presenza di minori o donne incinte. Il Ddl Lorenzin sugli stili di vita è stato approvato oggi, venerdì 26 luglio, in Consiglio dei Ministri introducendo importanti e ferrei divieti per ciò che attiene al vasto, ed indubbiamente dannoso, mondo delle sigarette, ovviamente includendo nel pacchetto anche quelle elettroniche, oramai formalmente equiparate alle ‘bionde’ tradizionali. Tramite il provvedimento l’Italia ha ufficialmente dichiarato guerra al vizio del tabagismo, percorrendo una strada già largamente perlustrata altrove: a New York, per esempio, non è affatto raro che anche all’esterno di un locale si chieda di evitare di fumare in rispetto delle cosiddette aree no-smoking.

La traiettoria anti-fumo nel nostro Paese, in realtà, era già stata pressoché integralmente delineata. Sono infatti diverse le città che già da tempo hanno predisposto ordinanze sindacali ad hoc specificatamente indirizzate all’interdizione del fumo in alcuni luoghi pubblici, come stadi e zone verdi. In particolare, il disegno di legge presentato dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, si è concentrato sulla tutela dei minori, molto spesso vittime involontarie del fumo passivo. In aggiunta infatti al divieto di fumo in auto, il Ddl ha riservato grande attenzione agli ambienti scolastici, dove le bionde sono state totalmente bandite, non soltanto dagli edifici (come stabiliva il caro vecchio divieto di fumare nelle classi e nei corridoi), ma anche dai giardini, dai cortili e persino dai parcheggi.

Il no tassativo si estende a chiunque: una volta entrati nell’area off limit, insegnati ed allievi saranno tutti tenuti all’astensione totale. Fino ad ora il livello di tolleranza alle classiche bionde veniva a dipendere dal ‘tenore’ discrezionale del singolo Istituto, tante sono state in tal senso le scuole che hanno sempre chiuso un occhio difronte alle ‘discrete’ pause-sigaretta di professori e ragazzi sotto l’ombra risicata dei cortili. Ora però sulle scrivanie dei presidi sono arrivate a pesare le ‘altisonanti’ circolari anti-tabacco. A seguito delle polemiche sulla supertassa, il disegno di legge dichiara guerra anche alle innovative e-cig. Il Ddl specifica inoltre le correlate indicazioni che, tanto i pacchetti tradizionali quanto le nuove ‘confezioni elettroniche’, devono specificatamente segnalare.


E non è tutto, per quanto attiene alle e-cig anche l’apposizione della composizione dei liquidi sulle scatole diventa obbligatoria, così come il valore della concentrazione di nicotina sulle ricariche. Le reazioni all’azione di contrasto non si sono fatte attendere, l’operazione preventiva infatti è già partita con diversi blitz da parte di alcuni genitori presso i licei capitolini, i quali si sono prontamente allineati alla campagna anti-fumo. La lotta al tabagismo è sicuramente un’opera degna di approvazione e consensi, tuttavia l’accanimento contro il popolo, peraltro innocuo se rispettoso della tutela altrui (si può parlare al massimo di autolesionismo), dei fumatori, estendendosi al divieto nei luoghi ‘aperti’ e a quelli ‘privati’ (come la propria auto) rischia di sfociare in un’arma a doppio taglio. ‘Estirpare’ dalla radice la presenza dei fumatori nelle scuole infatti non implica l’automatico allontanamento dei ragazzi dal fumo: anche perché, si sa, la proibizione incondizionata, paradossalmente, molto spesso conduce alla sperimentazione ‘curiosa’ proprio di ciò che non si può.


CONDIVIDI
Articolo precedenteSettimana di fuoco per il Parlamento: tutti i decreti da approvare
Articolo successivoStop allo spoil system dei componenti laici della magistratura

4 COMMENTI

  1. Lavori forzati fino ad 8 anni per i fumatori, sarebbe il minimo !!!
    In effetti, anche chi specula sulla produzione e vendita del tabacco,
    dovrebbe farne almeno 25 !!! ;) :D

  2. Ci sono cinque fondamentali componenti che sono:
    Glicole propilenico
    Glicerina vegetale
    Acqua
    Aromi
    Nicotina

    Questi cinque componenti possono essere usati in varie percentuali a seconda dei gusti, ma anche singolarmente, escludendo acqua, aromi e nicotina.
    La glicerina vegetale o glicerolo (VG) viene utilizzato solitamente in campo farmaceutico come additivo a creme o sciroppi, è il componente più denso dei quattro sopra citati e il suo scopo principale nel caso della sigaretta elettronica è quello della produzione del vapore. Proprio a causa della sua viscosità non può essere usato da solo ma va miscelato con almeno un 10% di acqua o di glicole propilenico.
    Il glicole propilenico (PG) viene anch’esso utilizzato in campo farmaceutico per la preparazione di colluttori, dentifrici, sciroppi ecc. E’ molto usato anche in campo alimentare nella preparazione di aromi. Svapato ha un gusto più secco rispetto al VG e per questa sua particolarità amplifica, se miscelato con nicotina, il colpo in gola (hit) tipico delle sigarette tradizionali.
    La nicotina, che tutti conosciamo, assume una certa importanza nella preparazione dei liquidi perchè oltre ad essere l’unica sostanza che ci garantisce un buon hit, risulta fondamentale per placare la nostra dipendenza dal tabacco non ritengo che siano molto nocivi, in confronto alla foormaldeide al catrame Arsenico: veleno mortale molto potente,al nichel cadmio,Polonio210: radioattivo,Metanolo: Utilizzato come combustibile per i missili.e al Cianuro di idrogeno: Veleno mortale utilizzato come topicida.

  3. stiamo rasentando il ridicolo proibire di fumare ance nella propria macchina che è Proprietà Privata quando ogni anno si paga una Tassa , Tassa sulla macchiina, Tassa sulle sigarette Bionde e su quelle elettroniche , che hanno sol 4 componenti non nocivi Ci sono cinque fondamentali componenti che sono:
    Glicole propilenico
    Glicerina vegetale
    Acqua
    Aromi
    Nicotina

    Questi cinque componenti possono essere usati in varie percentuali a seconda dei gusti, ma anche singolarmente, escludendo acqua, aromi e nicotina.
    La glicerina vegetale o glicerolo (VG) viene utilizzato solitamente in campo farmaceutico come additivo a creme o sciroppi, è il componente più denso dei quattro sopra citati e il suo scopo principale nel caso della sigaretta elettronica è quello della produzione del vapore. Proprio a causa della sua viscosità non può essere usato da solo ma va miscelato con almeno un 10% di acqua o di glicole propilenico.
    Il glicole propilenico (PG) viene anch’esso utilizzato in campo farmaceutico per la preparazione di colluttori, dentifrici, sciroppi ecc. E’ molto usato anche in campo alimentare nella preparazione di aromi. Svapato ha un gusto più secco rispetto al VG e per questa sua particolarità amplifica, se miscelato con nicotina, il colpo in gola (hit) tipico delle sigarette tradizionali.
    La nicotina, che tutti conosciamo, assume una certa importanza nella preparazione dei liquidi perchè oltre ad essere l’unica sostanza che ci garantisce un buon hit, risulta fondamentale per placare la nostra dipendenza dal tabacco….CONFRONTO CON una singola BIONDA la quake contiene oltre 4000 sostanze tossiche e cancerogene metto il link di un articolo leggetelo http://www.comune.nuvolera.bs.it/index.php?option=com_content&view=article&id=18%3Ala-sigaretta-cosa-contiene&catid=61%3Anotiziario-salute&Itemid=68 e queste sono alcune delle malattie che provoca la combustione di una sigaretta normale……… questo preferire propinarci lo Stato Italiano Tuttavia, fumare produce secchezza cutanea ed accelera l’apparizione di rughe nel viso in forma prematura.
    Sebbene questo fatto non possa considerarsi come un problema di salute grave, occorre comunque segnalarlo, benchè sia molto diversa dall’immagine che la pubblicità offre delle persone che consumano tabacco: giovani, attraenti e con visi radianti.
    Il consumo di tabacco è molto dannoso per la salute di chi fuma e di chi lo circonda.
    Oltre agli effetti avversi per la tua salute, il consumo di tabacco ha effetti dannosi su chi non fuma ma condivide spazi chiusi con te mentre fumi, in casa o in auto.
    La combustione del tabacco origina un fumo che contiene più di 4.000 sostanze chimiche. Di esse, più di 50 sono cancerogene. Vengono per tanto identificati 69 agenti cancerogeni nel fumo del tabacco:
    11 sono certamente cancerogeni per gli umani.
    7 sono probabilmente cancerogeni.
    49 sono cancerogeni per gli animali, non è provato per gli umani.
    Tra queste sostanze cancerogene si aggiungono:
    Catrame: utilizzato per asfaltare le strade.
    Arsenico: veleno mortale molto potente.
    Cadmio e nichel: utilizzati nelle batterie.
    Cloruro di vinile: dischi di vinile.
    Creosoto: componente del catrame.
    Formaldeide: conservante organico usato in laboratori forensi ed anatomia patologica.
    Polonio210: radioattivo.
    Uretano: utilizzato per imballaggi.

    Altri elementi tossici irritanti per gli occhi e le vie respiratorie superiori:
    Ammoniaca: Utilizzato nei detersivi.
    Acetone: solvente tossico.
    Acroleína: Potente irritante bronchiale e causa di enfisema.
    Cianuro di idrogeno: Veleno mortale utilizzato come topicida.
    Monossido di carbonio: Mortale in spazi chiusi quando c’è una combustione non corretta, caldaie, stufe, bracieri…
    Metanolo: Utilizzato come combustibile per i missili.
    Toluene: Solvente tossico.

    Lascio a voi il giudizio e accetto critiche e aprovazioni

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here