Papa Francesco è partito stamane alla volta di Rio de Janeiro, dove si appresta a vivere il primo grande evento planetario del suo pontificato: la Giornata mondiale della gioventù 2013.

Come d’abitudine, però, il pontefice venuto “dalla fine del mondo” non perde occasione per rompere il protocollo e ridurre al minimo gli sfarzi di cui la Chiesa era stata pesantemente criticata negli anni scorsi.

Eccolo, dunque, salire in aereo con il suo bagaglio a mano trasportato autonomamente, nonostante, va ricordato, il pontefice non sia certo un ragazzino dal punto di vista anagrafico.


La sua immagine, ormai, è legata a esempi di questo tipo: come la rinuncia a vivere negli appartamenti papali, o l’assiduità che, anche da cardinale, aveva nello spostarsi con i mezzi pubblici, in mezzo alla gente comune.

C’è molta attesa per la Giornata mondiale della gioventù di Rio e papa Francesco ha tutta l’intenzione di non negarsi all’abbraccio della folla, chiedendo, ancora una volta, di fare i salti mortali al suo personale di sicurezza. I giovani attesi alle celebrazioni con il pontefice, sono in tutto 2 milioni.

Ecco la foto di papa Francesco sul volo in partenza per Rio


CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto Fare, il testo coordinato con le modifiche proposte dalle Commissioni
Articolo successivoProvince addio; ecco la bozza di Delrio che le annulla

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here