Le sigarette elettroniche sono ufficialmente bandite dalle scuole e per i minori di 18 anni. Lo ha stabilito il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha firmato ieri l’ordinanza di divieto degli svapatori negli istituti scolastici e, in generale, per tutti coloro che ancora non si trovino nella maggiore età. La decisione arriva dopo che il governo ha decretato l’innalzamento delle accise sulle e-cig, che andrebbero a coprire una parte delle risorse necessarie per il blocco all’aumento dell’Iva.

Ma andiamo con ordine. Nelle scorse settimane, è partita un’offensiva istituzionale di vaste proporzioni nei confronti delle sigarette elettroniche, che hanno conosciuto un vero e proprio boom in pochissimi mesi. Negozi, rivendite e prodotti in genere hanno iniziato ad fiorire un po’ ovunque, promettendo risparmio di denaro e, soprattutto, un guadagno di salute per i fumatori.

Molti tra gli irriducibili del viziaccio hanno dunque deciso di tentare la strada degli svapatori, per non rompere definitivamente con le bionde e magari tentando un addio “morbido” e graduale. Così, la e-cig è diventata in breve tempo un oggetto di consumo molto diffuso, utilizzato regolarmente anche all’interno di uffici, edifici aperti al pubblico, nella convinzione che le normali regole per il fumo da tabacco non vigessero per il nuovo prodotto.


Il Consiglio Superiore di sanità, però, poche settimane fa, ha deliberato la necessità di vietare l’uso delle sigarette 2.0 nei luoghi pubblici in via precauzionale, non essendo in possesso di studi ufficiali che certifichino la non nocività del prodotto. Nel frattempo, alcune marche sono state obbligate a ritirare le ricariche delle e-cig dal mercato per il rinvenimento di alcune sostanze tossiche in misura molto superiore al tollerabile dall’organismo umano.

Sul fronte fiscale, invece, più volte si è tentato di introdurre una tassa che equiparasse gli svapatori alle sigarette classiche, con la relativa accisa, sostenuta con forza dalle associazioni dei tabaccai che hanno minacciato la serrata qualora le e-cig non venissero poste sullo stesso piano delle sigarette in mano ai monopoli, trattandosi di prodotto a base di nicotina.

Così, l’occasione giusta si è propiziata a ridosso del programmato aumento dell’Iva al 22%, fissato per il primo luglio, e infine rimandato al prossimo ottobre grazie a un miliardo di coperture individuato proprio negli aumenti a Irap e Ires per gli autonomi, oltre all’avvento della tassa sulla sigaretta elettonica, che renderà le fialette di ricarica ben più salate di quanto lo sono ora.

 


3 COMMENTI

  1. Trovo che sia corretto vietare l’uso delle sigarette elettroniche ai minorenni ed all’interno delle scuole, sarebbe come invogliare i giovani al fumo, anche se elettronico.

  2. Stanno facendo di tutto per contrastare la sigaretta elettronica. La mia esperienza con la elettronica è del tutto positiva: l’ho comprata in farmacia, una Fumok, e mi sono trovato benissimo anche dal punto di vista economico. Ho risparmiato bei soldi da quando non fumo più le sigarette tradizionali. Il problema grande è che compriamo sempre meno sigarette e quindi entrano sempre meno soldi allo Stato. Ci vogliono mangiare vivi.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here