C’è chi sostiene che i manifestanti di piazza Taksir e in generale delle maggiori città turche siano tutti giovani e, per lo più, violenti. Questa, almeno, è la versione ufficiale che il governo di Erdogan preferisce divulgare per gettare discredito su una protesta senza precedenti nella recente storia del Paese sul Bosforo.

Ma questa foto, già uno dei simboli della rivolta in Turchia che ha fatto il giro del mondo in poche ore, è la dimostrazione che, come abbiamo testimoniato in esclusiva nei giorni scorsi grazie a racconti di personaggi coinvolti nelle proteste che da Istanbul si sono alalrgate nell’entroterra turco.

Così, è possibile vedere che non solo le generazioni più attempate stanno appogiando le proteste partite da Gezi park, ma si stanno impegnando in prima persona per contrastare le violenze messe in campo da governo e forze dell’ordine per reprimere le manifestazioni di dissenso, che non riguardano più l’abbattimento di alcuni alberi, ma prendono di mira la stessa entità di governo guidata dal premier Erdogan, che ha inaugurato una serie di politiche filo-islamiche viste non di buon occhio dalla parte più secolarizzata della popolazione.


La signora anziana ritratta in questi scatti è stata ricoverata in ospedale per le ferite riportate in seguito agli scontri.

 

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteApprendistato, precari, sgravi fiscali: il piano Letta per il lavoro dei giovani
Articolo successivoLavoro pubblico, ARAN presenta il monitoraggio dei contratti decentrati per l’anno 2011

1 COOMENTO

  1. QUARDATE COSA STA’ FACENDO QUESTA

    EROICA ANZIANA PER DIFENDERE I PROPRI DIRITTI.

    E NOI ITALIANI CHE C…..O STIAMO FACENDO PER I NOSTRI FIGLI, PER NOI……..

    ASPETTIAMO COSA?????????????????????

    MA DOVE E’ ANDATO IL NOSTRO ONORE, LA NOSTRA DIGNITA’, I NOSTRI IDEALI.

    STIAMO BUTTANDO TUTTO QUELLO CHE CI HANNO INSEGNATO I NOSTRI GENITORI.

    ITALIANI SVEGLIAMOCI

    BASTA

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here