L’agenzia americana per il commercio internazionale, U.S. International Trade Commission, ha assestato un duro colpo all’azienda leader di Cupertino. Secondo l’agenzia USA, infatti, Apple sarebbe colpevole di aver violato un brevetto dell’antagonista casa sudcoreana Samsung nel realizzare alcuni modelli di iPhone e iPad. Entrando nel merito della bagarre, il brevetto sarebbe volto a revisionare la tecnologia wireless 3G e la capacità sincronica di trasmissione di servizi diversificati. Una disposizione che blocca le importazioni negli Stati Uniti per i modelli AT&T di iPhone 4, iPhone 3GS, iPad 3G and iPad 2 3G, con particolare riguardo ai fornitori che sono esterni ai confini a stelle e strisce, tra cui primeggiano Cina e Taiwan, è l’ordine emesso nei confronti di Apple dalla U.S. International Trade Commission. La portata dispositiva, recepita immediatamente dalla Casa Bianca e dal Presidente Obama, è automaticamente diventata esecutiva. Spetterà ora allo stesso Presidente decidere se bloccare o meno l’ordine interdittivo, avendo a disposizione sessanta giorni di tempo per porre il veto presidenziale.

Qualora Obama mantenga il silenzio, il blocco delle forniture entrerà subito in vigore. La disposizione, per il momento, si è già rivelata inclemente: a Borsa chiusa, infatti, il titolo Apple ha immediatamente perso terreno in seguito all’annuncio. Immediata anche la reazione da parte dell’azienda californiana che in una nota ha dichiarato di essere “delusa” per il giudizio, pur ritenendo altamente improbabile che la manovra possa ripercuotersi negativamente sulla vendita dei prodotti Apple negli Stati Uniti. Apple ha poi annunciato che sarà presentato presto un appello contro la risoluzione dell’agenzia. Le conseguenze dell’atto, anche qualora il divieto imposto alle importazioni Apple dovesse concretamente realizzarsi, non dovrebbero arrecare all’azienda danni particolarmente rilevanti, ha scritto sulle pagine del New York Times Carolina Milanesi, analista di Gartner, esperta  del mercato degli smartphone. La maggior parte degli iPhone venduti oggi, scrive Milanesi, sono iPhone 4S e iPhone 5, proprio quei modelli a cui l’interdizione non si estende.

Già in agosto il tribunale, durante la vicenda processuale, a carico di Apple, che è passata alla storia come la più rilevante nella storia della tecnologia globale, ha emesso verdetto favorevole, dando così ragione alla casa di Steve Jobs. Il giudice Lucy Koh ha inflitto ai danni della rivale Samsung una sanzione di 1.049.343.540 dollari, una cifra esorbitante, nonostante rappresentasse meno della metà dei 2,2 miliardi richiesti dai legali di Cupertino, facendo così infiammare le proteste degli avvocati coreani che hanno conseguentemente puntato il dito contro l’imparzialità della sentenza. Il risarcimento danni si poi ridotto a 600 milioni di dollari, mantenendo comunque alta la bandiera della vittoria per Cupertino. Samsung, in quell’occasione, è stato ritenuto colpevole di aver violato consapevolmente i brevetti Apple. Sono stati sei, infatti, i brevetti a non essere stati rispettati, e di questi almeno tre quelli “volontariamente” infranti dal colosso sudcoreano.


La giuria, nel vaglio dei sei brevetti applicati a decine di smartphone e tablet tra cui Captivate, Continuum, Droid Charge, Epic 4G, Fascinate, Galaxy Ace, Galaxy Prevail, Galaxy S, Exhibit, Infuse 4G, Mesmerize, Nexus S 4G, Gem, Galaxy Tab, Galaxy Tab 10.1, Replenish, e Vibrant, è così giunta alla condanna per Samsung, ritenuto responsabile di aver “copiato” il brevetto 381 sul cosiddetto “bounce back” in tutti i dispositivi segnalati da Apple. La disposizione di ieri, che interdice le importazioni Apple, dunque, riapre esplicitamente la disfida tra Apple e Samsung. Ambedue i colossi tecnologici, ognuno fermo nella propria posizione, hanno deciso di riportare la battaglia nelle aule dei tribunali. In Corea del Sud il sipario sulla querelle processuale è stato calato già la scorsa estate. L’esito? Un sostanziale pareggio, il processo si è difatti concluso con una doppia condanna. Diversi erano i pareri che, dalla stampa americana, prospettavano il raggiungimento di accordi extra-giudiziali; i buoni propositi, sempre se effettivamente buoni siano mai stati, si sono però tutti infelicemente inabissati. Ora, le due aziende  continueranno a tenersi testa in Germania e in Australia. In realtà, tuttavia, la natura della diatriba, al di là dei clamori mediatici e delle cifre stellari, sembra destinata a rimanere marginale. Infatti, nonostante i due colossi (padroni, insieme, di oltre il 50% del mercato mondiale degli smartphon) concorrano produttivamente immettendo ogni anno nuovi modelli sul mercato, le cause nei tribunali sembrano voler unicamente convergere su quei prodotti che si attestano ai margini, o che sono già completamente esclusi, dalla piazza degli acquirenti.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRistrutturazioni: super bonus sulle detrazioni ai lavori già in corso
Articolo successivoRedditometro 2013; ecco cosa cambia. Risponde l’esperto avv. Villani

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here