In attesa di scoprire se davvero sarà ballottaggio tra il candidato di centrodestra Gianni Alemanno – sindaco uscente della Capitale – e lo sfidante di Pd e alleati Ignazio Marino, il primo dato ufficiale è quello dell’affluenza. Ed è un risultato nient’affatto positivo, proprio come era già emerso nella giornata di ieri, con il calo molto forte su tutto il territorio nazionale e Roma in particolare, che accusava un 19% di distacco rispetto a cinque anni fa. Il dato definitivo del primo turno alle elezioni comunali 2013 in Italia, è del 67%, meno 11% rispetto al 2008, mentre Roma, a conteggio dei votanti pressoché ultimato, fa segnare un dato eclatante, fermo al 53%, contro il 73% precedente.

Si tratta di un punto su cui partiti, analisti e talk show dibatteranno a lungo, che certifica una volta di più la forte disaffezione dell’elettorato nei confronti della politica, in maniera ancor più preoccupante, questa volta, anche nei confronti di quella locale. Addirittura, è la Capitale a fornire una prestazione ben al di sotto della media nazionale, che già ieri sera si aggirava intorno al 20% in meno rispetto alla precedente tornata.

Dunque, la speranza che nutrivano gli osservatori per Roma, cioè che il derby della finale di coppa Italia tenutosi ieri allo stadio Olimpico, avesse soltanto rimandato l’appuntamento dei romani con le urne, è stata seccamente smentita: dal popolo elettore è arrivato l’ennesimo segnale di insofferenza nei confronti di una classe politica sempre più ritenuta incapace di dare risposte concrete.


E questo dato, come già illustrato nella serata di ieri dopo il dato sconfortante delle 22, potrebbe favorire, per i risultati finali di questo primo turno elettorale, le formazioni cosiddette “minori”, cioè, in realtà, al di fuori dei due schieramenti tradizionali. Difficile, infatti, definire di rango inferiore un partito come il MoVimento 5  Stelle, che alle elezioni dello scorso febbraio ha conteso al Pd la palma di primo partito italiano e ormai presente un po’ in tutta Italia e in moltissime giunte locali e regionali, oltre che, naturalmente, in Parlamento. Il candidato sindaco di Beppe Grillo per la guida al Campidoglio, Marcello De Vito, si è detto sicuro di approdare al ballottaggio del prossimo 9 e 10 giugno. La prospettiva, però, resta molto remota perché arrivare al secondo turno significherebbe raggiungere quantomeno il 30% dei voti, una soglia forse proibitiva per la lista di Beppe Grillo che, al solito, corre in solitaria.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma lavoro: ultimi giorni per i voucher acquistati prima del 18/7
Articolo successivoEcobonus: il 50% e 55% sulle ristrutturazioni slitta ancora

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here