Con il D.L. 21 maggio 2013, n. 54 all’art. 1 il Governo ha previsto la tanto auspicata sospensione, relativamente all’anno 2013, del versamento della prima rata dell’IMU, in scadenza per il prossimo 17 giugno.

In particolare, tale sospensione è limitata solo ad alcune categorie di immobili, e cioè:

1. all’abitazione principale e relative pertinenze, con esclusione delle abitazioni di tipo signorile, classificate nella categoria catastale A/1, delle ville, classificate nella categoria catastale A/8, e dei castelli o dei palazzi di pregio storico o artistico, classificati nella categoria catastale A/9, fabbricati questi che sono oggettivamente espressione di una capacità contributiva decisamente maggiore;

2. alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP, istituiti in attuazione dell’art. 93 del D.P.R. 24 luglio 1977, n. 616;


3. ai terreni agricoli e ai fabbricati rurali di cui all’art. 13, commi 4, 5 e 8, del D.L. n. 201 del 2011.

Come emerge dalla lettura dello stesso art. 1 del decreto in commento, tale sospensione è funzionale anche alla complessiva riforma della disciplina dell’imposizione fiscale sul patrimonio immobiliare, ivi compresa la disciplina del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES), volta, in particolare, a riconsiderare l’articolazione della potestà impositiva a livello statale e locale e la deducibilità ai fini della determinazione del reddito di impresa dell’IMU relativa agli immobili utilizzati per attività produttive.

Nello stesso provvedimento, inoltre, al successivo art. 2 è stata inserita una clausola di salvaguardia, destinata a regolare la ripresa della sospensione del versamento dell’IMU nel caso di mancata attuazione della citata riforma.

A tal fine, infatti, la norma, proprio in considerazione della complessità di tale riforma, che dovrà necessariamente essere attuata nel rispetto degli obiettivi programmatici primari indicati nel Documento di economia e finanza 2013 come risultante dalle relative risoluzioni parlamentari e, in ogni caso, in coerenza con gli impegni assunti dall’Italia in ambito europeo, prevede che in caso di mancata adozione della riforma entro la data del 31 agosto 2013, continua ad applicarsi la disciplina vigente e il termine di versamento della prima rata dell’IMU degli immobili che risultano attualmente sospesi è fissato al 16 settembre 2013.

Ulteriori approfondimenti su: www.ufficiotributi.it


CONDIVIDI
Articolo precedenteFinanziamento ai partiti: ok all’abolizione 20 anni dopo il referendum
Articolo successivoInps, i requisiti 2013 e 2014 per l’assegno familiare. Le tabelle

3 COMMENTI

  1. Mi riferisco al primo commento: nel mio caso da figlia proprietaria a genitore. Cosa fare?

  2. Non riesco a capire se la casa data da genitori a figli in comodato gratuito regolarmente registrato, debba pagare o meno l’imu 2013,non essendo specificato da nessuna parte.

  3. sono proprietario di un ex fabbricato rurale ( in muratura in pietra) oggi per rispettare la legge è stato accatasto come deposito.
    Sembra giusto che gli devo pagare l’IMU?
    Il valore catastale aggiornate è di circa 60.000,00 euro ma se lo vedessi, trovando qualche pazzo, non recupero più di 20.000, 00 euro.
    Cosa devo fare, esiste una scappatoia legale

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here