Dopo la presentazione della candidatura di Franco Marini e relativa, amara bocciatura da parte dei grandi elettori, soprattutto amici, che lo hanno tenuto abbondantemente al di sotto del quorum, esplode la protesta tra i militanti del Partito democratico.

Fuori da Montecitorio, fin da prima mattina, si sono radunati capannelli di manifestanti contro la scelta di proporre Franco Marini Capo dello Stato, sorprendendo la maggioranza della base del partito.

Non appena la notizia è uscita, ieri in serata, infatti sui social network e nei circoli del Partito democratico ha iniziato a serpeggiare una rabbia crescente, contro l’opzione di andare per un’ampia convergenza con le direzioni di Pdl e Scelta civica, favorevoli al nome dell’ex sindacalista e presidente del Senato.


Così, durante la votazione, l’insofferenza degli elettori Pd è salita alle stelle, tra mobilitazione online e attivismo nelle piazze a favore della candidatura di Stefano Rodotà.

Così, di fronte alle telecamere non si sono risparmiati atti dimostrativi di significato forte, compresa la messa a fuoco delle tessere di partito di alcuni iscritti in dissidio con la formazione di Bersani.

Sarebbero state due, in complesso, le tessere date alle fiamme, anche se poi è emerso che una delle due era scaduta, quindi forse appartenente a un militante già pentito in passato.


CONDIVIDI
Articolo precedenteCassazione: il Csm si spacca sull’elezione del nuovo presidente
Articolo successivoRifiuti, Napoli: Corte dei conti vs il sindaco, il vice-sindaco e Asia

1 COOMENTO

  1. Non si può dare torto a Grillo quando dice che la casa brucia e i politici si gingillano sui nomi del nuovp presidente. Possibile che in Italia non ci sia una persona del tutto indipendente dai partiti che dia garanzie di onestà, ponderatezza ed esperienza (e conosca l’inglese).

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here