Mentre è in corso il primo scrutinio per la votazione del presidente della Repubblica, i parlamentari aspettano il proprio turno nella gremita aula di Montecitorio dove sono presenti 1007 grandi elettori tra deputati, senatori e delegati regionali.

A tenere banco è la domanda se Franco Marini raggiungerà o meno il quorum degli elettori necessari (672). Con il sostegno di Pd, Pdl e Scelta civica, cui si è accodata anche la Lega in mattinata, l’impresa dovrebbe essere alla portata. Resta, però, il dubbio dei franchi tiratori interni al Partito democratico, che potrebbero rovinare i piani dei partiti accordati.

Intanto, Pier Luigi Bersani sembra non preoccuparsi troppo delle fronde interne, annunciate o segrete, già emerse prima della votazione e si rilassa in compagnia addirittura di Angelino Alfano, mentre gli elettori si succedono ai catafalchi dell’Aula per votare.

Il segretario Pdl sembra pensieroso, mentre stranamente il più rilassato dei due è proprio l’ex candidato premier del centrosinistra, che allarga un braccio amichevole attorno al collo dell’ex ministro della Giustizia.

Una foto che è l’emblema dell’accordo che sta lanciando Franco Marini verso il Quirinale e che susciterà ancora maggiore indignazione nelle file del centrosinistra.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


3 COMMENTI

  1. vergognati bersa…ni avevamo capito che per mantenere i privilegi della casta
    e di continuare senza nulla cambiare … avresti venduto l’anima al diavolo … bravo
    ed ecco…. anche l’abbaraccio ….sei perfetto per andare a casa ……..

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome