Un Presidente donna, perché una donna è – geneticamente – una madre che protegge i suoi figli; quegli stessi figli d’Italia che, oggi, hanno bisogno di essere rimessi sulla giusta via ….
Un Presidente donna, perché i nostri attuali padri italiani non sono stati in grado di fare due miglia di mare senza imbarcare acqua da tutte le parti e fare affondare la nave …
Un Presidente donna, perché le donne riescono a mettere ordine tanto quanto gli uomini non sanno fare …
Un Presidente donna, perché le donne lavorano il doppio degli uomini ….
Un Presidente donna, perché le donne sono più forti, soprattutto nei momenti difficili ….
Un Presidente donna, perché le donne sono temprate alle intemperie …
Un Presidente donna, perché le donne riescono a gestire una casa, una famiglia e dei figli tanto quanto non sanno fare né i padri né i mariti ….
Un Presidente donna, perché se penso a quanti uomini abbandonano moglie e figli per motivi futili ed insensati, bè … mi fido di più delle donne ….
Un Presidente donna, perché le donne sono abituate a convivere pacificamente con gli uomini tanto quanto non riescono a fare gli uomini …
Un Presidente donna, perché una donna rispetta un uomo più di quanto un uomo rispetti lei …
Un Presidente donna, perché le donne sono più democratiche degli uomini ….
Un Presidente donna, perché le donne italiane sono 30.688.237 e meritano una rappresentanza istituzionale importante ….
Un Presidente donna, perché le donne hanno il diritto di essere ripagate dopo tonnellate di secolari angherie maschili ….
Un Presidente donna perché è ormai sotto gli occhi di tutti la pericolosa regressione della presenza femminile in politica.
Un nome? Semplicemente, Emma Bonino.
Ha una esperienza politica trentennale, di ”sostanza”, e soprattutto al di fuori dei soffici salotti romani.
Gode di una stima e di un prestigio unanimemente riconosciuti in campo internazionale.
Non ha mai smesso di battersi in favore dei deboli, della pace, della giustizia, dei diritti dei cittadini e dei consumatori. In Italia, in Europa e nel resto del mondo.
Ha lottato in prima persona – come pochi politici italiani – contro la fame nel mondo, le dittature, le mine antiuomo, la violenza sulle donne, la discriminazione razziale e religiosa, i crimini di guerra e il genocidio.
E’ colta, preparata, e in grado di potere affrontare qualsiasi possibile evenienza della vita presidenziale.

 

Emma Bonino avrebbe tutti i numeri per rappresentarci a testa alta.
Ma chi dovrebbe nominarla??????????
I nostri uomini politici naturalmente, ossia proprio quelli che in questi giorni stanno continuando a rigirarsi, tra di loro e contro di loro, come in una bolgia dantesca ….

 

… Dubito che i nostri “dannati” rinuncino al loro scettro maschile …

© RIPRODUZIONE RISERVATA


12 COMMENTI

  1. Parlare di donne credo sia doveroso, ma la Bonino nonostante i suoi meriti, le sue nomine credo non sia adatta a ricoprire tale carica istituzionale. Non credo che la Bonino possa rappresentare le donne, le donne italiane madri e lavoratrici. Vogliamo altre donne, più nomi femminili, è vegognoso avere solo tra i candidati 1 o 2 donne tra 10 o 20 uomini.Questo è offensivo.
    Per quanto riguarda il signore Luca
    6 aprile 2013 alle 12:48

    …”Emma Bonino è membro del Bielderberg..ma dove vivi? Si parla del conflitto di interessi di Berlusconi,ma di quello di Monti e di tutti gli altri iscritti al Bielderberg,un gruppo che si ritrova a porte chiuse,che accoglie tutte le personalità politico-economiche-mediatiche del mondo, non se ne parla mai..”

    Peggio del cavaliere non c’è
    nessun’altro! Ci credo che il Bieldeberg non accoglie Berlusconi, scusami ma il cavaliere ti pare una personalità politica economica mediatica del mondo, a me sembra solo un vecchiaccio pervertito !!!!!!!!!!!!!!!!!Mi scusi ma lei dove vive?

  2. Sarebbe un insulto al buonsenso. Come donna sono 40 anni che imperversa con il suo Pigamalione: un disastro!!! Eppoi, in che si distingue la signora? Petulanza? Ma la petulanza non è una virtù.
    Celestino Ferraro

  3. EMMA BONINO??? Altro che a testa alta!Se con Napolitano dobbiamo stare a testa china,con la Bonino dobbiamo solo nasconderci,come gli struzzi!! Ma la giovane fan della Bonino ha cognizione della storia politica ed umana della sua candidata?? Si vada a documentare e poi vedrà che sarà d’accordo nel NON candidare una mammana assassina al Quirinale!

  4. Purtroppo non posso che condividere la valanga di critiche all Bonino. Avevo dimenticato in quali pericolosi giochi di potere si e’ messa dal 1994 in poi……..il fatto che sia una donna, beh……..anche la Santanche’ lo e’ ed e’ pure berlusconiana come la Bonino, appunto.

  5. Complimenti!! Articolo stupendo! Condivido ogni parola.
    Con stima.
    Dr.ssa Sabrina Del Cotto
    Psicologa Psicoterapeuta

  6. …Emma Bonino è membro del Bielderberg..ma dove vivi? Si parla del conflitto di interessi di Berlusconi,ma di quello di Monti e di tutti gli altri iscritti al Bielderberg,un gruppo che si ritrova a porte chiuse,che accoglie tutte le personalità politico-economiche-mediatiche del mondo, non se ne parla mai..

  7. Beh… io mi accontenterei di un Presidente onesto… donna o uomo che sia fa poca differenza… basta che non abbia agganci di alcun tipo neanche in passato con nessun partito politico.

    Il Berlusconismo è nato sulle ceneri di Falcone e Borsellino… un loro ritorno è impossibile… ma sarebbe bello e credo molto salutare per la nostra democrazia… se ci fosse come Presidente della Repubblica una persona che ha proseguito sui passi di Falcone e Borsellino… io penso al loro vero erede… Roberto Scarpinato… e forse potrebbe coincidere anche con la fine definitiva del berlusconismo.

  8. Cosa? La Bonino????
    Quella che dava la fiducia a Berlusconi ed era sempre pronta a salvarlo? Quella amica di Pannella, che si voleva alleare con ‘La Destra’ di Storace?

    Ma possibile che quando si parla di una donna al quirinale sapete parlare solo della guerrafondaia Bonino? Vorrei rendervi edotti del fatto che non esiste solo lei come donna in politica, nonostante i media ce la spiattellino ogni volta.

  9. Sono d’accordo su tutto meno che sul nome perché manca di una caratteristica essenziale per una donna: l’amore per la vita, e non mi risulta che la Bonino sia contro l’aborto, il divorzio e l’eutanasia.

  10. A parte l’esposizione squisitamente,anzi…”vagamente” di parte,
    il tutto si riduce piu’ semplicemente A QUELLO CHE UN UNDIVIDUO femminile o maschile E’.
    FORNERO,CARFAGNA,MINETTI ECC. da una parte, e …mettici chi vuoi tu dall’altra, forse (personalmente) credo che certi discorsi servano solo a gettare “benzina”(femminile)…sul “fuoco”(maschile)… 1 A 1 .
    Se poi parliamo del caso specifico (Bonino) personalmente …niente in contrario..anzi sarei STRAFAVOREVOLE…perche’ MERITA .

    MA…CHI FA DI TUTTA UN ERBA UN FASCIO….MANDA TUTTO A SCATAFASCIO…

    MEDITATE GENTE…MEDITATE!

  11. un commissario europeo( nominato da chi) del calibro della bonino non mi ispira nessuna fiducia che ci fa nel gruppo bildinberg e poi dubito che conosca il prezzo di un litro di latte o un chilo di pane non la vedo una capace di rimettere ordine in casa degli italiani
    quaranta anni in compagnia di questi squali avrà imparato a sbranare anche lei qualcosa.
    se non fosse cosi avrebbe fatto come la franca rame che quando ha capito in che merda che vi era in parlamento ha preferito le dimissioni,ho letto la sua ‘accorata lettera al presidente del senato se non erro nessun commento da quel brillante sindacalista arrogante presuntuoso difensore dei lavoratori
    questa classe dirigente che ci ha portato in queste miserabili condizioni se ne devono andare via bisogna azzerare tutto e ripartire con gente onesta e non collusa.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome