Distesa di campane a piazza San Pietro, la folla è entusiasta e sventolano le bandiere di ogni parte del mondo. Gli occhi dei fedeli, non  più rivolti al comignolo della Sistina, ora sono tutti puntati al balcone della basilica che affaccia sulla piazza. Seguito ai momenti di trepidante attesa, finalmente è giunto l’annuncio ufficiale: “habemus Papam” è stato decretato pochi minuti fa dinanzi la moltitudine dei presenti, e il nuovo Pontefice della Chiesa di Roma è Jorge Mario Bergoglio, Papa Francesco.

Proprio lui, l’argentino apparentemente snobbato dalla rosa dei papabili, che rappresenta appieno la luce episcopale della Chiesa latina. Nato in una famiglia di origine piemontese, ha studiato dapprima come tecnico chimico, poi in seminario, quindi nel 1958 è entrato a far parte come novizio della Compagnia di Gesù, trascorrendo un periodo in Cile e tornando a Buenos Aires per laurearsi in filosofia. Dal 1964 ha insegnato per tre anni letteratura e psicologia a Santa Fe e Buenos Aires, ricevendo poi l’ordinazione sacerdotale il 13 dicembre 1969.

Dopo altre esperienze di insegnamento e la nomina a Provinciale dell’Argentina è stato rettore della facoltà di teologia e filosofia a San Miguel, nel 1986 è stato in Germania per il completamento del dottorato, prima del ritorno in patria, dove è diventato direttore spirituale della locale chiesa della Compagnia di Gesù. Il 20 maggio 1992 è nominato vescovo ausiliare di Buenos Aires. Diventa così primate d’Argentina.

Dopo la nomina cardinalizia da parte di Papa Giovanni II nel 2001, è stato eletto a capo della Conferenza Episcopale Argentina, dal 2005 al 2011. Bergoglio è stato da sempre considerato uno dei candidati più in vista per l’elezione a Pontefice nel Conclave del 2005, arrivando si dice ‘secondo’ dopo Ratzinger.  Pur se tradizionalmente il presule aveva sempre rifiutato incarichi di un certo peso nella Curia romana, Bergoglio aveva secondo gli osservatori dalla sua parte lo schieramento compatto dei vescovi latinoamericani, e lo stesso Joseph Ratzinger, poi divenuto Papa come Benedetto XVI, sarebbe stato fra i cardinali che avrebbero appoggiato la sua elezione. Secondo alcuni, contrarietà sarebbe stata espressa dall’allora Segretario di Stato Angelo Sodano.

Si conclude così uno dei passi storici forse più memorabili, e certamente più singolari della storia bimillenaria della Chiesa romana. Il neo eletto al Soglio, Jorge Bergoglio, Papa Francesco, successore di Benedetto XVI, ora Papa emerito, veste l’onere papale non dietro il clima di lutto che da sempre ha caratterizzato l’annuncio pontificio, ma tra le lacrime di gioia che accolgono l’inaspettato arrivo e (forse) la nuova svolta cattolica.


1 COOMENTO

  1. ciao come ho visto il papa ho detto mipiaceeeeee questo è il mio papa dopo wojtjla è il papa dei poveri e di una umiltà incredibile grazie SPIRITO SANTO di FRANCESCO come papa sono al settimo cielo stanotte ho dormito serena e sentivo una granpace grazie

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here