Nanni Moretti evidentemente è in pole position per essere eletto miglior profeta del 2013. A vedere le immagini del sit in tenuto oggi da parte dei parlamentari Pdl al Palazzo di giustizia di Milano, infatti, a molti è tornata in mente la scena finale del film “Il Caimano”, film del 2006 nel quale il noto regista ripercorreva la parabola di Silvio Berlusconi preconizzando una conclusione nel caos dovuto allo scontro con le procure.

Già la vicenda di Ratzinger, che, con le dimissioni da pontefice, ha lasciato il soglio di Pietro a distanza di secoli dall’ultimo caso precedente, aveva fatto gridare alla presunta “chiaroveggenza” del cineasta. Nella sua più recente fatica “Habemus papam”, infatti, Moretti indagava la debolezza psicologica di un uomo chiamato a ricoprire l’incarico più importante, quello di vicario di Cristo sulla Terra e, che, in conclusione, decideva di abdicare sentendosi inadeguato.

Ora, invece, siamo tornati in un ambito più mondano, con l’ormai classico muro contro muro tra politica e giustizia, ma con l’atto dimostrativo degli eletti in Parlamento da parte del Popolo della libertà, che hanno manifestato sulle scalinate del Palazzo di Giustizia di Milano in seguito agli ultimi sviluppi a carico del Cavaliere, tra la condanna a un anno per rivelazione del segreto d’ufficio nel caso Unipol, più i legittimi impedimenti richiesti, negati e infine concessi per il ricovero in ospedale, con tanto di visita fiscale.

Oggi, infine, i neodeputati e senatori del Pdl hanno deciso di dimostrare la propria solidarietà nei confronti di Berlusconi attraverso un’azione senza precedenti: i rappresentanti di un partito politico hanno marciato fin sull’ingresso della Procura milanese, scagliandosi contro “l’accanimento giudiziario” perpetrato nei confronti dell’ex premier.

A parlare, è stato il segretario Angelino Alfano, che è arrivato a dichiarare: “Siamo in emergenza democratica. Valutiamo se prendere parte ai lavori del prossimo Parlamento oppure no, invocando la convocazione di nuove elezioni al più presto”. Insomma, un clima di forte tensione, che passa dalla politica alla giustizia e chiama in causa direttamente il Presidente della Repubblica, e le non semplici decisioni che è chiamato a prendere nei prossimi giorni.

 

Guarda i parlamentari Pdl oggi al Palazzo di giustizia di Milano

 

Guarda la scena finale del Caimano


CONDIVIDI
Articolo precedentePrecari Scuola: il Miur perde ancora e rischia di indebitarsi
Articolo successivoNuovo Parlamento: l’accoglienza degli eletti, oggi si aprono le Camere

1 COOMENTO

  1. purtroppo i processi li fanno i giornalisti, i giudici fanno i politici e i politici sono gli indagati….. per essere un buon politico bisogna essere un comico….
    vergogna

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here