E’ febbre da elezioni, ma soprattutto da risultati. Le testate giornalistiche stanno impazzendo per inseguire la chimera di chi ha vinto le elezioni appena due ore dopo l’inizio degli scrutini e così le proiezioni dei sondaggisti diventano oasi nel deserto che come tali si dissolvono entro pochi minuti. Tecné e Istituto Piepoli, al momento, concordano nel clamoroso risultato che vede il partito di Grillo, M5S, al primo posto assoluto nei consensi e il Pdl essere il padrone del Senato.

Stando così le cose sembrerebbe che il grande sconfitto sia Bersani e il Pd, entrambi privi della leadership che in queste settimane sembrava l’unico dato certo di questa campagna elettorale. Bisogna però prestare attenzione a queste percentuali e dati che, non sono certo improvvisati, ma affondano la loro solidità su sistemi non fondati sull’oggettività ma sulla capacità di previsione.

Quello che emerge al momento dallo spoglio reale è uno scenario ancora diverso rispetto a quest’ultimo, in linea con quelle che erano le attese della vigilia, seppure con le debite eccezioni; infatti il Pd resta, seppur di poco, il primo partito italiano con il 30,87 al Senato e il 29,48 alla Camera, tallonato da vicino però da un sorprendente M5S che va ben al di la di quota 20% e si attesta sul 24,5% al Senato e sul 26,7% alla Camera. 


In tutto questo nonostante la Lombardia, ritenuta da molti l’ago della bilancia, stia pendendo a favore del Pd il futuro sembra ancora incerto, però i dati del ministero smentiscono in ogni caso il trend delle proiezioni che sembra addirittura utopistico; la vittoria al Senato del Pdl dovrebbe dunque essere quasi impossibile ma sicuramente la vittoria del Pd risulta ridimensionata e dunque rimane quell’equilibrio che si era ipotizzato dai sondaggi.

Al momento la confusione la fa da padrone, da ogni parte si sentono proclami di vittoria, si è passati dai commenti entusiastici del Pd per gli exit poll, si è parlato addirittura di fine di un’era, passando per Grillo che ammetteva candidamente “siamo il primo partito d’Italia, siamo una epidemia”. Il Pdl, invece, fa muro e si lascia sfuggire poche dichiarazioni vista la forbice surreale fra proiezioni, che lo vorrebbero vincente e i dati dello scrutinio che rischiano di relegarlo al terzo gradino del podio.


CONDIVIDI
Articolo precedenteElezioni politiche 2013, affluenza verso il 75%. Giù Sicilia e Lombardia
Articolo successivoElezioni politiche 2013, affluenza definitiva al 75%. Le dichiarazioni del ministro

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here