Da oggi, anzi dal 02.02.2013, data di entrata in vigore della legge n. 247/2012 sulla riforma della professione forense, l’avvocato non potrà più esercitare anche le funzioni di amministratore di condominio.

Piacevolmente sorpresa dal tempismo del nostro Consiglio Nazionale Forense con cui è stato preso indirettamente in esame il quesito posto da alcuni avvocati che hanno avanzato dubbi circa l’interpretazione dell’art. 18 della citata legge di riforma – rubricato “Incompatibilità” – il quale recita testualmente: 1. La professione di avvocato è incompatibile: a) con qualsiasi altra attività di lavoro autonomo svolta continuativamente o professionalmente”.

Con l’aggiornamento del documento «FAQ, nuova disciplina dell’ordinamento professionale forense», consultabile sulla home page del sito web del C.N.F. ogni dubbio è venuto meno.


Infatti, al punto 32 del documento si chiarisce che la professione di amministratore di condominio costituisce altra attività di lavoro autonomo, svolta necessariamente in modo continuativo o professionale, e rientra quindi tra le nuove cause di incompatibilità con la professione di avvocato previste dalla riforma forense.

Il quesito e la risposta in dettaglio:

D: L’esercizio della professione è compatibile con l’attività di amministratore di condominio?

R: No, in quanto costituisce altra attività di lavoro autonomo, svolta necessariamente in modo continuativo o professionale. Tale circostanza risulta confermata, altresì, dalla nuova disciplina in materia di professioni regolamentate (L. n. 4/2013) che conferisce dignità e professionalità alle categorie dei professionisti senz’albo. Sebbene non vengano meno i requisiti di autonomia ed indipendenza, che hanno sinora consentito di considerare compatibile l’attività di amministratore di condominio con l’esercizio della professione, la riforma ha innovato profondamente la disciplina vigente, escludendo che l’avvocato possa esercitare «qualsiasi attività di lavoro autonomo svolta continuamente o professionalmente», con eccezioni indicate in via tassativa – quali attività di carattere scientifico, letterario, artistico e culturale – ovvero con l’iscrizione nell’albo dei commercialisti ed esperti contabili, nell’elenco dei pubblicisti, nel registro dei revisori contabili o nell’albo dei consulenti del lavoro (art. 18, co. 1 lett. a).

Si configura, pertanto, la assoluta incompatibilità della professione di avvocato con quella di amministratore di condominio.

Da oggi, quindi, gli avvocati iscritti all’albo dovranno tempestivamente adeguarsi a tale disposizione legislativa, sanando l’attuale incompatibilità e optando esclusivamente per l’esercizio di una delle due professioni.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso scuola 2012/3: prova scritta ecco come funziona
Articolo successivoLegge Pinto: se la giustizia è lenta lo Stato deve pagare

4 COMMENTI

  1. HANNO DECISO SENZA PENSARE A MOLTI GIOVANI AVVOCATI CHE X INIZIARE FANNO GLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CON PROFESSIONALITA’ E CAPACITA’. ORA PROPRIO LORO SUBIRANNO PESANTI CONSEGUENZE. UNA DOMANDA:::: SE SI FORMA UNA SOCIETA’ X LA GESTIONE DI CONDOMINI TRA PIU PERSONE, GLI AVVOCATI POSSONO ESSERE SOCI??? POSSONO ESSERE SOCI LAVORATORI???
    POTREBBE ESSERE UNA DOMANDA SCIOCCA, MA NON SONO UN LEGALE, MA UN CONDOMINO CHE DOPO ANNI VEDE SVANIRE QUELLO CHE DI BUONO HA COSTRUITO IL SUO AMM.RE DI CONDOMINIO.
    GRAZIE

  2. Questa riforma è l’ennesima prova della casta degli avvocati. Non tutti ovviamente, ma dei grandi studi..gli unici a trarre beneficio da queste norme! l’obiettivo perseguito da tempo è solo uno..spazzare via la concorrenza..soprattutto in un momento di crisi come quello attuale.. e la concorrenza si chiama “giovane avvocato”. Quando i giovani avvocati decideranno di fare qualcosa di concreto, invece che piangere e ri-piangere..allora (forse) qualcosa cambierà!

  3. Come se quello che afferma il CNF avesse forza di legge.

    In ogni caso è una decisione molto discutibile in quanto non si vede per quale motivo un avvocato non possa fare l’amministratore. Come se ciò svilisse la professione forense…
    Poi saranno i giovani ad essere colpiti in quanto gli avvocati “affermati” non hanno bisogno di fare gli amministratori.

    Inoltre altre categorie professionali non hanno alcuna preclusione (architetti, commercialisti, geometri, così via).

  4. Fare il politico allora è anche una professione.
    Quindi dovranno dimettersi i nostri parlamentari oppure dovranno parcheggiare la loro professione per tutto il tempo che resteranno in carica?
    Ad esempio Ghedini come si comporterà??

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here