Neve, ghiaccio, gelo. E pericoli, soprattutto per chi viaggia. Big Snow – ormai ogni perturbazione ha il suo soprannome, siamo diventati molto creativi sul tema – è arrivata, l’Italia è attraversata in questo momento dalla più intensa morsa invernale e, da Milano fino a Bologna e per tutta la catena appenninica, si stima che nelle prossime 36 ore cadrà un notevole quantitativo di neve.

Il tutto, ovviamente, condiziona il traffico e la mobilità, che soprattutto nelle strade a basso scorrimento rischia di sfociare in pericolosi incidenti se non si viaggia nella maniera giusta, ossia con i pneumatici giusti. L’aspetto principale riguarda proprio le ruote delle nostre auto: l’obbligo di dotazioni invernali è solo l’inizio di un percorso di consapevolezza che il bravo automobilista dovrebbe sempre percorrere.

A tal fine, e cioè per migliorare la vita del cittadino – automobilista, il comandante Girolamo Simonato consiglia alcuni, semplici regole da osservare sempre, e senza necessità di avere una particolare “propensione” alla materia. A margine, invece, consigliamo di scaricare lo speciale di MotoriOggi “Stagione Invernale, quali gomme usare”.
CONSIGLI PER I PNEUMATICI GIUSTI


1.  Cambiare le gomme con l’arrivo dell’inverno, è la base per affrontare il freddo con maggior sicurezza, poiché i pneumatici invernali sono progettati al fine di garantire maggior aderenza anche a basse temperature e soprattutto con il gelo.

2.  Controllare periodicamente la trazione degli pneumatici in condizioni di guida impegnative. E’ buona norma infatti determinare l’aderenza effettiva mentre guidiamo con piccole frenate applicando una pressione moderata sul pedale.

3.  Massimizzare l’aderenza totale della superficie dei pneumatici, separando le diverse manovre per affrontare una curva. La regola d’oro è frenare quando si è ancora in rettilineo così da avere il massimo dell’aderenza in ingresso curva.

4.  Evitare il cruise control in presenza di fondo bagnato. E’ più sicuro che sia il guidatore a regolare la velocità di accelerazione e decelerazione secondo il proprio intuito.

5.  Non mettersi alla guida in condizioni meteorologiche troppo pericolose. La sicurezza viene prima di tutto.

6.  Gli pneumatici estivi perdono buona parte delle loro caratteristiche di tenuta a temperature inferiori ai 7°C. Gli invernali invece, grazie anche alla maggio percentuale di gomma naturale presente nella mescola, mantengono intatte le loro caratteristiche fisico-meccaniche.
È bene rammentare che i pneumatici invernali si caratterizzano per:

  • Tipologia di mescola: la gomma con cui è rivestito il pneumatico invernale è ricca di silice, quindi più morbida, e consente di raggiungere più facilmente le temperature di esercizio ideali. L’attrito è maggiore e la stabilità su suoli a bassa temperatura è ottimizzato dalla presenza di tasselli particolarmente elastici.
  • Battistrada: il disegno del battistrada è caratterizzato da scanalature più profonde e speciali lamelle che consentono una maggiore tenuta di strada e un forte drenaggio dell’acqua.
  • Potenza di frenata: rispetto ai pneumatici estivi, gli spazi di frenata si riducono di un 20% se l’asfalto è asciutto, di un 30% se l’asfalto è bagnato e di un 50% se l’asfalto è innevato.
  • Segno di riconoscimento: I pneumatici invernali si possono riconoscere dal simbolo M+S o M&S e dal disegno di una montagna sul fianco dello pneumatico.

Per quanto riguarda il prezzo, la differenza ormai è veramente minima, in certi casi addirittura nulla. Diciamo che a parità di marca e dimensione la differenza oscilla fra un 5 ed un 10% massimo. Il loro utilizzo nel periodo dedicato consente di preservare l’usura del pneumatici estivi anche di un 40% e di avere una perfetta tenuta di strada anche in condizioni climatiche difficoltose.

 Consiglio: Se decidi di dotare la tua auto di pneumatici invernali, è opportuno montare tutti e 4 gli pneumatici per assicurarti una perfetta tenuta di strada, una guida bilanciata e sicurezza in frenata.

Fonte: MotoriOggi.it


CONDIVIDI
Articolo precedenteFecondazione assistita, la Corte UE respinge il ricorso del Governo
Articolo successivoConcorso Scuola 2012/13: prove rinviate al 28 febbraio e 1 marzo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here