Si scrive campagna elettorale ma si legge le promesse del Cavaliere, dopo la mirabolante restituzione dell’Imu, che ha solleticato non poco l’elettorato, anche se gli esiti attendibili sui gradimenti si avranno solo fra qualche giorno, è la volta del condono tombale, il secondo colpo di mercato (il terzo considerando Balotelli) di questa campagna elettorale targata Berlusconi.

Il condono tombale rappresenta il paradiso degli evasori, in sintesi, si tratta di un provvedimento che permette a chi ha evaso il fisco italiano, a chi non ha pagato l’iva, a chi ha pensato bene di non presentare la dichiarazione dei redditi, di cavarsela corrispondendo allo Stato una parte minima di quanto evaso. In sostanza una riedizione di “per un pugno di dollari” anzi di euro. E’ evidente che beneficerebbero del provvedimento tutti coloro che hanno dei conti in sospeso con la giustizia fiscale, quindi le classi ricche del paese che troverebbero l’ennesima tutela gratuita.

L’idea del condono tombale è un vero e proprio effetto speciale, come la neve ad agosto, se pensiamo a quanto ha fatto il governo tecnico per generare quella stretta sul fronte fiscale che ci ha tristemente reso famosi in Europa ma che ci ha consentito di risanare i conti pubblici. Sono di questi mesi i blitz della Guardia di Finanza in roccaforti dell’evasione come Cortina, Sardegna e Napoli, non solo, a questo si affianca l’operato di Equitalia con i suoi strumenti di accertamento del reddito.


Berlusconi, dunque, con un colpo di teatro vero e proprio inverte totalmente la tendenza promettendo un intervento che di fatto equivale ad una vera e propria amnistia, un “liberi tutti” che rischia di avere effetti sconvolgenti, visto che oltre a ridurre i rientri dello Stato nella lotta all’evasione finisce addirittura con l’incentivarla visto l’ammorbidimento del regime fiscale e delle sanzioni.

C’è un’altra questione legata al condono ed è che chi ha risparmiato ingenti cifre di denaro, evadendo le tasse, in attesa di un nuovo condono non pagherà nuovamente le tasse. Il Cavaliere, tuttavia, resosi conto di aver alzato troppo la mira, Bersani gli ha ricordato come questo provvedimento sia un occhiolino agli evasori, ha provato ad introdurre una proposta un po’ meno forte e più graduale nell’attuazione: “Faremo prima di tutto un condono interno a Equitalia. Il condono tombale invece si impone in caso di una riforma fiscale globale passando da un sistema fiscale a un nuovo regime che introduca finalmente una tassazione dalle persone alle cose. È chiaro che occorre condono per un nuovo inizio”.

Non è difficile capire come questo progetto sia funzionale a reperire i fondi per la copertura della restituzione dell’Imu, ma c’è di più, infatti risultano  una vera e propria forma di condono anche gli “accordi fiscali con la Svizzera” di cui l’ex premier ha parlato contestualmente alla sua seconda promessa elettorale.

“Sì, certamente, è una forma di condono. – ha ammesso Berlusconi – E’ fattibile perché ebbi contatti con la Federazione svizzera, e mi garantirono la loro volontà che poi tradussero in pratica con altri paesi come la Germania; sarei sorpreso se cambiassero la loro posizione. Chi ha capitali in Svizzera paga una tantum ma poi ha la certezza del segreto, ma non sarebbe un regalo agli evasori”.

Dunque dopo il trionfale “meno tasse per tutti” è l’ora del “più condono per tutti”, quello che però è chiaro è che a beneficiarne non saranno certo i cittadini ma i soliti furbetti del quartierino, i cittadini invece pagheranno lo scotto di queste proposte perché saranno i primi a subire il rialzo dello spread e la conseguente ondata di recessione economica che attanaglierà stipendi e consumi. Che tutto cambi perché nulla cambi, c’est l’Italie o se preferite “ e io pago”!


CONDIVIDI
Articolo precedenteContributi silenti, ecco come andare in pensione con le vecchie regole
Articolo successivoPolitiche 2013 e Par Condicio, Agcom avvisa Radio e Tv

9 COMMENTI

  1. Leggo commenti di persone che inveiscono sgomentati contro un possibile Condono Fiscale o Concordato Fiscale, ma siete bene informati che il Governo Monti ha effettuato un Condono Tombale solo per le Banche e le Assicurazioni, e i poveri o anche ricchi cittadini che sono in regola con le tasse cosa dovrebbero affermare?
    Vi sono state persone che si sono suicidate per cartelle esattoriali fantasmagoriche, ribadisco condono per banche e assicurazioni i soggetti che mettono mani nelle nostre tasche, personalmente sono indignato.
    Necessita una riforma fiscale seria avete mai provato ad andare in Commissione tributaria? MI devo tappare il naso ma un condono abbinato ad una seria riforma fiscale ma aggiungiamo anche una seria riforma in materia di procedimenti civili e penali che vale a dire indulto o amnistia, forse, ma dico forse, costerebbe molto meno a tutti i cittadini, purtroppo anche quelli non del tutto onesti. Meditate gente meditate.

  2. Il mio consulente mi ha truffato Ed Adesso la Mia piccola Azienda ha avuto sanzioni Dalla guardia DI Finanza. Spero Che questo condono aiuti le piccole Azienda per dar modo DI continuare a lavorare. Grande Berlusconi.

  3. Alessandro Camellini : Allora per te e’ buono che paghiamo alla banca centrale europea, che una S.P.A. significa privata,80 miliardi di interesse annuo piu’ il capitale. Ti piace monti!!!!!!

  4. fra coloro che sarebbero salvati dal condono ci sarebbero moltissime piccole
    imprese che non hanno potuto pagare le tasse che riprenderebbero a vivere e quelle in procinto di chiudere e licenziare.
    Poco male per i dipendenti che in fondo tutti cercano di tutelare , ma l’mprenditore e la sua
    famiglia chi li assiste? l’imprenditore Non gode nè di cassa integrazione nè di sostegno al reddito
    e se non ha neppure l’età pensionabile a chi si rivolge ?al popolo onesto del
    PD che ha in dispregio i condoni come atti immorali . Che dire di tutti soldi che hanno preso
    i partiti come rimborsi elettorali? Chi li ha autorizzati? Non sono atti immorali quando
    tanta povera gente non arriva alla fine del mese’?

  5. Rilevo delle faziosità nella redazione dell’articolo.
    Da privato cittadino, non evasore, ho ricevuto una cartella da equitalia – non notificatami oltretutto, pertanto 60 gg. decorsi senza saperlo – per una multa che non ho mai ricevuto. La soprattassa è del 100%.
    Disposto a pagare la multa, ma se la soprattassa venisse condonata, ne sarei felice. :-)

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here