Il  recupero dell’Irap sul costo del lavoro dal 2007 al 2011 sarà un percorso ad ostacoli per imprese e professionisti, si comincerà venerdì dalle Marche e si proseguirà seguendo il calendario stabilito dall’Agenzia delle Entrate fino al 15 marzo quando toccherà ai contribuenti di Brescia, Cremona e Mantova. Le difficoltà dell’iter della restituzione dell’imposta versata  e per la quale era preclusa la deducibilità dall’Irpef o dall’Ires sono almeno 3: una procedura complessa, recuperi di poche migliaia di euro per lo più e incertezza sui tempi di erogazione del rimborso.

La complessità della procedura sta non solo nel procedimento di invio della richiesta che si muoverà esclusivamente  lungo i canali telematici dell’Agenzia, piuttosto è la totalità della fase preparatoria alla compilazione del modello che genera criticità. Ad iniziare dal calcolo del costo del personale sostenuto negli anni scorsi che va alleggerito della somma già posta in deduzione per poi giungere allo sconto in più di cui si ha diritto. In pratica sarà come ricalcolare sia la dichiarazione Irap che la dichiarazione dei redditi con una serie, però, di complicazioni aggiuntive concernenti tanto i grandi quanto i piccoli contribuenti.

Ad ogni modo, i recuperi restano davvero esigui e i vantaggi rispetto agli sforzi non sembrano proporzionali, ad esempio una Srl con 25 dipendenti con un costo del lavoro di un milione di euro all’anno (di cui il 75% per retribuzioni e il 25% contributi) alla fine si troverà a recuperare meno di 7 mila euro per ogni periodo d’imposta.


Un imprenditore individuale con un solo dipendente – ad esempio – con un costo di 45 mila euro giungerà a riprendere meno di 500 euro (da moltiplicare per gli anni interessati). Saranno soprattutto questi soggetti a dover sostenere il costo da adempimento cioè la parcella del consulente che fornisce loro la consulenza per la procedura di rimborso.

Restano, invece, una incognita i tempi necessari per riscuotere i rimborsi. La campagna precedente ha permesso di raccogliere il 10% dell’imposta pagata sul costo del lavoro ma i tempi di attesa sono stati anche di 5 anni in certi casi. A ciò vanno aggiunte anche delle perplessità sulla copertura; le risorse dovranno  essere garantite dal maxi – fondo per i rimborsi fiscali a disposizione dell’Agenzia, tuttavia paradossalmente questo è l’ostacolo più piccolo in quanto numerose imprese di fronte a tutte questo complessità potrebbero anche rinunciare a partecipare alla nuova corsa a ostacoli e non presentare la domanda.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa Corte dei Conti stronca il redditometro: rischio uso disinvolto di dati
Articolo successivoPatto di stabilità, sanzione al comune di Messina: il Tar sospende e lo Stato si appella

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here