La riforma delle pensioni, a firma del Ministro Elsa Fornero, farà sentire i suoi effetti dal 2013 ma risultati sul ritardo nel raggiungimento dell’età pensionistica degli Italiani già si sono raggiunti: in base ai dati diffusi il 28 dicembre dal nuovo SuperInps scaturito dall’incorporazione nell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale dell’Inpdap, il calo delle nuove pensioni nei primi undici mesi del 2012 è pari al 18,5% rispetto allo stesso periodo del 2011. Gli assegni liquidati dall’Istituto, compresi quelli dell’ex Inpdap, sono stati 267.732 a fronte dei 328.549 del 2011. La diminuzione è dovuta all’introduzione, nel 2011, della c.d. “finestra mobile” ad opera dell’ex Ministro del lavoro Maurizio sacconi, che ha previsto ulteriori 12 mesi di attesa per i lavoratori dipendenti e 18 per gli autonomi una volta raggiunti i requisiti pensionistici. Agli effetti della finestra mobile si aggiungono quelli dello “scalino” previsto dalla riforma dell’ex Ministro Cesare Damiano, relativo sempre al 2011, sul raggiungimento della pensione di anzianità con le quote (età minima dai 59 ai 60 anni, a fronte di almeno 36 anni di contributi). La riforma Fornero avrà effetti a partire dal 2013, quando avranno termine la gran parte dei pensionamenti secondo le vecchie regole (riguardanti i lavoratori che hanno raggiunto i requisiti entro il 2011 e poi hanno atteso le finestre mobili dei 12 e dei 18 mesi).

A partire dal 1° gennaio 2013 le nuove regole stabiliscono che si potrà conseguire la pensione di vecchiaia con almeno 62 anni e 3 mesi di età per le lavoratrici dipendenti (o 62 anni nel 2012, ma in tal caso si sarebbe potuti uscire con le regole precedenti, avendone 61 nel 2011 e avendo quindi “superato” la finestra mobile). 63 anni e 9 mesi sono previsti, sempre dal 1° gennaio 2013, per le lavoratrici autonome. I lavoratori maschi, invece, potranno andare in pensione di vecchiaia con 66 anni e 3 mesi.

Forte giro di vite anche per le pensioni di anzianità. Il calo più consistente si è avuto per quelle del privato passate da 131.538 dei primi 11 mesi del 2011 a 93.404 dei primi 11 mesi del 2012 (un calo del 29%). Assai più contenuta la diminuzione delle pensioni di vecchiaia del privato, da 99.011 dei primi 11 mesi 2011 a 93.428 nei primi 11 mesi del 2012 (per un -5,6%). Nello stesso arco di tempo sono aumentate le pensioni di vecchiaia dei lavoratori dipendenti (da 49.079 dei primi 11 mesi 2011 a 66.812 nel 2012, +36%), mentre risultano pressoché dimezzate quelle degli autonomi.


Nei primi 11 mesi del 2012 l’Inps ha erogato 186.832 pensioni per il settore privato (-19% rispetto alle 230.549 del 2011) e 80.900 nel settore pubblico (erano 98.000 nello stesso periodo 2011, in calo del 17,5%), finora gestito dall’Inpdap. In totale si registra una diminuzione complessiva di circa 60.000 assegni rispetto a quelli liquidati nel periodo gennaio-novembre del 2011 da Inps ed Inpdap separatamente.

Un’accelerazione per le nuove pensioni si è registrata nei mesi di ottobre e novembre 2012 (dai 140.616 nuovi assegni erogati da gennaio a settembre agli 186.832 complessivi fino a novembre): 47.000 trattamenti in più in soli due mesi. L’aumento si spiega con il fatto che il confronto avveniva con un anno (il 2011) in cui le uscite avvenivano ancora con il sistema delle “finestre fisse” (e, quindi, non nei mesi di ottobre e novembre).

Buoni i dati relativi all’età media di uscita dal mondo del lavoro in Italia. Nel privato si conferma la crescita di un anno con il passaggio da 60,3 anni nel 2011 a 61,3 anni nel 2012, mentre il settore pubblico fa registrare una crescita più modesta (da 60,8 anni a 61,1 anni), dovuta soprattutto ai numerosi prepensionamenti. I dati mettono il nostro Paese nella condizione di una delle migliori sostenibilità pensionistiche future in Europa, con trend attualmente migliori anche del sistema tedesco.

 


CONDIVIDI
Articolo precedentePagamenti PA alle imprese, in vigore il limite a 30 giorni: sanzioni e proroghe
Articolo successivoPatto di stabilità, in Gazzetta Ufficiale i nuovi vincoli fino al 2015

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here