Sarà la volta buona dell‘incandidabilità? E’ convocato per domani giovedì 6 dicembre un nuovo Consiglio dei ministri, nel corso del quale è fissata all’ordine del giorno il decreto legislativo sul divieto di ricoprire incarichi pubblici per condannati.

La legge, molto attesa, era stata annunciata durante il completamento della normativa anticorruzione, la quale, poi, ha solamente incluso la disposizione governativa a legiferare in breve tempo sulla materia.

Ora, dopo un ulteriore slittamento dall’ultimo Consiglio dei ministri, dove la norma non è riuscita a trovare spazio, finalmente dovrebbe essere l’occasione giusta per dare il via libera al decreto.


Nei giorni scorsi, si è parlato di una possibile ridefinizione per le condanne che escluderebbero dalle cariche pubbliche, che potrebbero essere innalzate da due a quattro anni.

Domani, nel corso della riunione dei ministri, dovrebbe arrivare il primo via libera al provvedimento, e si vedrà quale sarà la linea prescelta dall’esecutivo, mentre le scadenze elettorali sono sempre più vicine, a cominciare da quelle regionali in Molise, Lombardia e Lazio.

 

Di seguito il comunicato del governo sul Consiglio dei ministri numero 57

Il Consiglio dei Ministri è convocato per giovedì 6 dicembre 2012 alle ore 11,00 a Palazzo Chigi per l’esame del seguente ordine del giorno:

 

– DECRETO-LEGGE: Disposizioni urgenti per il superamento delle procedure di infrazione e di pre-infrazione in corso in sede comunitaria (AFFARI EUROPEI);

 

– DECRETO LEGISLATIVO: Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilità e di divieto di ricoprire cariche elettive e di Governo conseguenti a sentenze definitive di condanna per delitti non colposi, a norma dell’articolo 1, comma 63, della legge n. 190 del 2010 (INTERNO) – ESAME PRELIMINARE;

 

N. 3 DISEGNI DI LEGGE (AFFARI ESTERI) recanti ratifica ed esecuzione dei seguenti Atti internazionali:

– Convenzione Italia – San Marino per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le frodi fiscali;

– Accordo Italia – Turchia sulla previdenza sociale;

– Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (LAVORO E POLITICHE SOCIALI);

 

– DECRETO PRESIDENZIALE: Regolamento recante modifiche al DPR n. 187 del 1998, concernente la disciplina dei procedimenti relativi alla concessione ai Comuni di contributi per le spese di gestione degli uffici giudiziari, a norma dell’articolo 20, comma 8, della legge n. 59 del 1997 (PRESIDENZA – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E SEMPLIFICAZIONE) – ESAME PRELIMINARE;

 

– DECRETO PRESIDENZIALE: Regolamento recante disposizioni per il riordino delle scuole militari e degli istituti militari di formazione, a norma dell’articolo 11, comma 2, del DL n. 95 del 2012 (DIFESA) – ESAME PRELIMINARE;

 

– DECRETO PRESIDENZIALE: Regolamento recante modalità di adozione del piano dei conti integrato delle amministrazioni pubbliche, a norma dell’articolo 4, comma 3, lettera a), del DLG n. 91 del 2011 (ECONOMIA E FINANZE) – ESAME PRELIMINARE;

 

– LEGGI REGIONALI;

 

– VARIE ED EVENTUALI.


CONDIVIDI
Articolo precedenteSpiagge, Governo battuto. Concessioni tagliate da 30 a 5 anni
Articolo successivoEsuberi e precari PA, ecco quanti rischiano secondo Patroni Griffi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here