Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano ha firmato il decreto legge sull’Ilva di Taranto, recante “disposizioni urgenti a tutela della salute, dell’ambiente e dei livelli di occupazione in caso di crisi di stabilimenti industriali di interesse strategico nazionale” nel testo trasmesso dalla Presidenza del Consiglio.

Il testo è stato già pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale  n. 282 del 03 dicembre 2012, data anche di entrata in vigore del decreto.

Il decreto prevede che il ministro dell’Ambientepuò autorizzare, in sede di riesame dell’autorizzazione integrata ambientale, la prosecuzione dell’attività produttiva per un periodo di tempo determinato non superiore a 36 mesi“. L’indicazione temporale è una novità rispetto al testo originario del governo, in cui non si faceva riferimento a scadenze.


Tuttavia il decreto è sotto esame da parte della procura di Taranto, sta valutando se chiedere al giudice che sia proposta una questione di legittimità costituzionale del decreto legge o se sollevare conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato in relazione allo stesso decreto.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteConflitto Napolitano – Procura. Oggi l’udienza in Corte Costituzionale
Articolo successivoLiquidazione Iva per cassa: come esercitare l’opzione

3 COMMENTI

  1. […] che sperano da tempo immemore nello snellimento della burocrazia. Sorte incerta anche per il decreto 207 di recentissima nascita, per contravvenire la chiusura dello stabilimento Ilva di […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here