Domenica 25 novembre si è tenuto il primo turno delle primarie del centrosinistra, il responso dell’elettorato di sinistra è andato ad appannaggio di Bersani (44,9%) e Renzi (35,6%), i due sfidanti che si contenderanno al ballottaggio di domenica 2 dicembre (sempre dalle 8 alle 20) il ruolo di candidato premier alle prossime elezioni di primavera.

Chi ha effettuato la registrazione entro il 25 novembre e vorrà esprimere nuovamente la propria preferenza per uno dei due rappresentanti del centrosinistra, dovrà limitarsi a presentarsi al seggio con il certificato elettorale del centrosinistra, ottenuto durante la registrazione (completo di cedolino), per ricevere la scheda elettorale sulla quale apporre il proprio voto. Non sono richieste dunque iscrizioni supplementari a chi l’ha già sostenuta così come non sarà chiesto nuovamente il contributo minimo di 2 euro.

Per chi invece non si è ancora iscritto e vuole esprimere la propria preferenza può, fino alle ore 20 di venerdì 30 novembre, cioè domani, richiedere di essere registrato per partecipare al ballottaggio, e lo può fare anche mediante fax o per mail. Entro sabato primo dicembre, dunque, all’ elettore deve essere comunicato se la sua richiesta è stata accolta o meno, oltre ad indicare il seggio in cui è possibile votare in caso di risposta positiva.


Nella circostanza in cui l’elettore si sia pre – registrato online, ma non abbia partecipato al primo turno, anche in questo caso, l’elettore può recarsi al seggio presentando la ricevuta stampata alla fine dell’operazione di iscrizione online, oltre ad un documento di identità e alla tessera elettorale. A questo punto dovrà versare il contributo minimo di due euro ai volontari che gli consegneranno il certificato di elettore del centrosinistra da presentare al seggio. Nel caso in cui si sia effettuata la pre – registrazione on line ma non si sia in possesso della stampa che attesta la registrazione ci si deve recare presso il Coordinamento provinciale per ultimare il procedimento di iscrizione per votare.

Chi, invece, entro il 25 novembre non si è registrato e non ha dunque votato al primo turno, deve essere in grado di dimostrare di essere stato impossibilitato a completare la registrazione in tempo utile, solo a questo punto oggi e domani può recarsi presso il Coordinamento provinciale per ottenere il consenso a votare. Sarà il Coordinamento provinciale a decidere se le cause palesate dal “mancato” elettore sono congrue e permettono la deroga di iscrivere il richiedente all’ Albo degli elettori di centrosinistra, il provvedimento, però, deve essere preso all’ unanimità.

Devono fare una specifica richiesta anche quei lavoratori e studenti fuori sede che hanno votato al primo turno in una provincia diversa da quella di residenza e adesso vogliono votare, per il ballottaggio, nella propria provincia di residenza (o viceversa). La domanda deve essere inoltrata al Coordinamento entro il 30 novembre.

Per chi ha smarrito il certificato di elettore del centrosinistra, saranno gli addetti al seggio a verificare l’iscrizione del votante all’ Albo e a provvederlo del duplicato e non saranno quindi necessarie altre richieste, ma sarà sufficiente andare al seggio il giorno del ballottaggio.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteElezioni Ordine Dottori Commercialisti, liste escluse senza un perché
Articolo successivoTasse e web: dopo l’Iva di Google, altre società nel mirino del fisco

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here