Non finiscono le sorprese attorno alla prova di accesso più chiacchierata degli ultimi anni. Nel concorso scolastico che vede ai blocchi di partenza 321.210 candidati ora spunta anche il software delle domande “al buio”.

Non erano bastate le polemiche sull’indizione del concorso, tra docenti in graduatoria e nuovi aspiranti a spartirsi le quote di assunzione. Anche negli ultimi giorni, c’era stata una doppia retromarcia sulle date del test preselettivo, prima rinviate, poi spifferate e, infine, annunciate in Gazzetta Ufficiale .

A stretto giro dalla conferma che il quiz si terrà i prossimi 17 e 18 dicembre, arriva anche l’applicazione, diciamo così, “intelligente”, quella, cioè che non permetterà di conoscere seduta stante le risposte esatte tra quelle che i candidati avranno segnato erroneamente.


Insomma, ci si potrà allenare finché si vorrà, ma per conoscere l’esatta risoluzione dei quesiti si dovrà operare “alla vecchia maniera”, ossia compiendo ricerche per conoscere l’opzione corretta, con tutto ciò che una pratica del genere può scatenare in temi di lamentele e inesattezze, pur nell’intento nobile.

E, per conoscere le batterie di test sostenibili come “allenamento” bisognerà attendere ancora qualche ora: domani, salvo nuovi ripensamenti, dovrebbe essere distribuito il “malloppo” con tutti i quiz, cui i singoli candidati potranno accedere dal pc di casa.

Si tratta di 70 test, ciascuno con 50 domande: 3500 quesiti che gli iscritti alla prova preselettiva avranno a malapena 20 giorni per completare. E sui quali, va ricordato, non sarà possibile conoscere le soluzione esatta alla singola domanda, che, nelle scorse selezioni effettuate, veniva apposta in vetta alla pagina.

Il “cervellone” del ministero, infatti, si limiterà a fornire il risultato complessivo della prova portata a termine dal candidato, che, sarà quindi costretto a documentarsi sugli argomenti che più lo hanno messo in difficoltà.

Per entrare nel database del Miur, bisognerà inserire il proprio codice fiscale, e accedere, così nell’area riservata che conserverà la “memoria storica” delle prove già sostenute dal candidato, il quale, comunque, sarà in grado, all’occorrenza, di ripeterle da cima a fondo.

Dalle parti del ministero, spiegano che questo nuovo metodo di “oscuramento” delle singole risposte sarebbe finalizzato a scoraggiare i più svogliati, quelli che, avendo tempo e capacità di memorizzazione, potrebbero svolgere in successione i blocchi di test fino al punto da incamerare le risposte esatte, magari senza possedere adeguate conoscenze sull’argomento.

Tutto starà nella bravura dei tecnici ministeriali nel redigere un elenco di domande senza possibilità di interpretazione o dalle consegne nebulose: difficile a credersi, ma se davvero non ci saranno contestazioni, allora la linea del ministero verrà premiata.

Intanto, si acuisce lo scontro fuori dai banchi, quello che i cortei degli studenti hanno portato, in questi giorni, al centro nelle piazze. “Fanno bene a manifestare il loro dissenso”, ha osservato conciliante il premier Mario Monti.

Il presidente del Consiglio non ha risparmiato critiche agli insegnanti, sottolineando che “nella sfera del personale della scuola abbiamo riscontrato anche grande spirito conservatore“, in particolare, ha aggiunto, sulle resistenze alle due ore in più di lezione, per ora tornate in soffitta.

Una posizione, quella di Monti, molto dura nei confronti del personale docente, al punto da osservare come “corporativismi spesso usano anche i giovani per perpetuarsi e non adeguarsi ad un mondo più moderno”. Vedremo se i futuri docenti vincitori del concorso scolastico saranno più inclini alla visione di un premier sempre meno tecnico, e più politico che mai.

Vai allo speciale scuola di LeggiOggi


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiordino province: quando il rispetto della Costituzione diventa oggetto di trattativa politica
Articolo successivoFunzioni associate, dal referendum sì alla fusione di cinque Comuni

3 COMMENTI

  1. […] iniziali sono state ancora una volta contraddette, così come accaduto con l’annuncio dei test al “buio” e la comparsa in rete, dopo poche ore, di un software privato che dà accesso a tutte le risposte […]

  2. […] di lunedì ad orizzonte scuola un rappresentante del ministero dell’Istruzione riferendosi all‘oscuramento volontario delle risposte corrette nell’esercitatore messo a disposizione dal ministero per i candidati che dovranno sostenere la prima prova del […]

  3. […] I giorni, invece, in cui la prova si svolgerà sono già noti da venerdì, il 17 e 18 dicembre, quando sono stati diffusi dal ministero con un avviso pubblicato nella gazzetta ufficiale n.92, 4^ serie speciale, concorsi ed esami. I candidati possono partecipare ad una sola giornata e all’ interno di quella giornata ad un solo turno fra quelli indicati, ma verosimilmente sarà il ministero a stabilire quale e non il candidato stesso. La comunicazione e il conseguente accesso della banca dati ministeriale con i 3500 quiz da cui verranno presi i 50 per il test presel… […]

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here