Home Archivio Notizie Province, in esclusiva il testo del decreto di riordino

Province, in esclusiva il testo del decreto di riordino

Ieri il Consiglio dei Ministri ha dato il definitivo via libera al decreto che dal 1° gennaio 2014 cambierà per sempre l’assetto amministrativo dello Stato: le province delle Regioni a Statuto ordinario passeranno dalle attuali 86 a 51, le giunte saranno soppresse e verranno istituite le città metropolitane. In stand-by, per ora, le province delle Regioni a Statuto speciali, ma anche per esse è previsto un drastico taglio.

Qui, in esclusiva per LeggiOggi, la bozza di decreto legge sull’accorpamento delle province

© RIPRODUZIONE RISERVATA


9 COMMENTI

  1. […] il contestatissimo decreto 188 sulla riforma delle Province, che scadrà il 5 gennaio. Viste le polemiche che hanno accompagnato questo taglio degli enti, e […]

  2. […] un altro punto di capitale importanza per il governo è quello di condurre in porto il decreto 188, valido fino al 5 gennaio, che contiene il riordino delle Province: non vincere questa battaglia parlamentare sarebbe per […]

  3. […] votano per unirsi e non per dividersi. Nel periodo attuale, con la difficoltà che sta incontrando il riordino delle Province ad andare in porto, siamo di fronte, indubbiamente, a una novità di respiro […]

  4. […] anche alle ritorsioni”. E’ opinione del rappresentante dei presidi che le competenze delle Province, come provvedere al riscaldamento delle scuole, sono stabilite dalla legge ordinaria “e non si […]

  5. […] governo ha deciso, le province scenderanno da 86 a 51, si può essere favorevoli o contrari a questo provvedimento, quello che però è certo è che […]

  6. Faccio notare semplicemente che la bozza del decreto inserita, non è quella approvata dal Consiglio dei ministri in quanto la provincia di Pistoia con compare in accoppiata con Firenze e Prato, ma ancora con Massa e Lucca.

    La città metropolitana qui delineata è ancora quella Firenze-Prato…

    Dunque tale versione non è purtroppo quella definitiva.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome